Consumi, Ravenna 'maglia nera' in Regione per elettronica ed elettrodomestici

Lo stallo nel consumo di beni durevoli in provincia di Ravenna si traduce in una spesa di 496 milioni di euro nell’arco del 2018

Mercato in aumento per auto usate (+3,7%), motoveicoli (+4%) e information technology (+2,5%), ma acquisti in calo per auto nuove (-3,9%), elettrodomestici (-1,6%) ed elettronica di consumo (-3,3%). Il quadro della spesa per i beni durevoli in Emilia-Romagna nel 2018 viene tracciato dall’Osservatorio dei Consumi Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia. "Nell’anno appena concluso - commenta il responsabile dell’Osservatorio Findomestic Claudio Bardazzi - le famiglie emiliano-romagnole hanno speso in durevoli 5 miliardi e 681 milioni, ovvero lo 0,2% in più rispetto al 2017. Nonostante una crescita inferiore alla media italiana (0,8%), la regione occupa la seconda posizione nel Paese per spesa media delle famiglie a quota 2.831 euro”.

Flop per le auto nuove

Bardazzi sottolinea inoltre che “l’incremento nel comparto information technology (che comprende pc, tablet, gaming, stampanti, cartucce, componenti hardware per pc e altro) con una spesa complessiva di 190 milioni di euro rappresenta un autentico exploit, in netta controtendenza rispetto al -1,1% registrato a livello nazionale”, mentre “la flessione rilevata nel segmento delle autovetture nuove è tra le più marcate nel panorama italiano”.

L'analisi regionale

Secondo l’analisi a livello provinciale dell’Osservatorio Findomestic, “la spesa complessiva per i durevoli - precisa Bardazzi - è aumentata maggiormente a Parma (2,3%), seguita da Reggio Emilia (0,9%), Forlì-Cesena e Rimini (0,6% entrambe). A Ravenna (0,2%), Bologna (-0,3%) e Modena (-0,4%) gli acquisti sono rimasti sostanzialmente stabili, mentre a Piacenza (-0,7%) e Ferrara (-0,8%) hanno fatto registrare un moderato calo”. Modena, con 3.061 euro per famiglia, si colloca al primo posto nella regione e al terzo posto nella graduatoria delle province italiane. Modesta, invece, la performance di Rimini, 52esima fra le 103 province del Paese con 2.465 euro per famiglia.

L'analisi per Ravenna

Lo stallo nel consumo di beni durevoli in provincia di Ravenna si traduce in una spesa di 496 milioni di euro nell’arco del 2018. Secondo l’Osservatorio Findomestic il mercato delle auto nuove è calato del 3,5% - con la spesa delle famiglie scivolata a 155 milioni di euro - mentre quello dei motoveicoli ha fatto registrare un arretramento del 3,1%. Incremento, invece, per gli acquisiti di auto usate: +4,2% a quota 146 milioni di euro. La spesa per i mobili è salita a 119 milioni (+1,5%); buona performance anche per l’information technology a + 2,1%. Ravenna si aggiudica però la ‘maglia nera’ in regione per le vendite degli elettrodomestici (-2,3%) e dell’elettronica di consumo (-4,1%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento