Nuovi progetti e forme di finanziamento: smart city al centro di un convegno

L’appuntamento, promosso dall’Osservatorio Smart City Anci e Anci nazionale in collaborazione con il Comune di Ravenna nell’ambito della “Settimana del buon vivere”, ha lo scopo di proporre una riflessione sui progetti di innovazione urbana in Italia

“Innovatori sociali e Comuni: opportunità finanziarie e strumenti per la coprogettazione della Smart City” è il titolo del convegno in programma dalle 15 di venerdì a palazzo Rasponi dalle Teste. L’appuntamento, promosso dall’Osservatorio Smart City Anci e Anci nazionale in collaborazione con il Comune di Ravenna nell’ambito della “Settimana del buon vivere”, ha lo scopo di proporre una riflessione sui progetti di innovazione urbana in Italia e sulle opportunità del programma europeo Horizon 2020, sistema di finanziamento integrato per fornire a ricercatori e innovatori gli strumenti necessari alla realizzazione dei propri progetti e delle proprie idee. La partecipazione è libera e gratuita.

I lavori saranno aperti dai saluti di Paolo Testa, dell’Osservatorio Smart City Anci, e dell’assessore con delega a Ravenna digitale Massimo Cameliani: “Con i rappresentanti delle istituzioni, dei privati e di tutti i soggetti coinvolti - spiega - faremo il punto sui progetti di innovazione urbana proposti in Italia, ce ne sono oltre 1.200 sulla piattaforma dell’Osservatorio Smart City Anci. Come Comune ci soffermeremo poi in particolare sulla presentazione dell’intervento di riqualificazione della Darsena, sottolineandone gli aspetti di sostenibilità ambientale, culturale e sociale”. Il convegno ruoterà su quattro nuclei tematici. In primo luogo l’Osservatorio nazionale Smart City Anci si soffermerà sullo stato dei progetti di innovazione urbana in Italia, attraverso l’illustrazione dei contenuti della piattaforma italiansmartcities.it, che comprende gli oltre 1.200 progetti di innovazione urbana raccolti dall’Osservatorio stesso.

Ci si concentrerà poi sulla progettazione europea e sui principali strumenti di accesso ai finanziamenti dell’Unione. Nell’intervento di Massimo Borriello di Apre saranno esaminati i dati relativi alla partecipazione dei soggetti italiani ai bandi promossi dal programma Horizon 2020 nel biennio 2014-2015; Apre è una associazione di ricerca non profit che, in stretto collegamento con il Miur, fornisce informazioni e assistenza per la partecipazione ai programmi di collaborazione nazionale ed europea nel campo della ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione. Un focus particolare sarà inoltre dedicato alla nuova programmazione. Nell’intervento di Michele Migliori (Regione Emilia Romagna) si darà poi conto delle opportunità legate ai programmi Med e Italia-Croazia.

Il terzo aspetto, preso in esame a partire dall’intervento di Sara Bedin (esperto europeo di innovation procurement) riguarderà esperienze di rigenerazione urbana e alcuni strumenti innovativi a disposizione degli attori pubblici locali. Ci si concentrerà sulla descrizione di uno strumento finanziario ancora scarsamente diffuso, l’appalto pre-commerciale, applicato in particolare nel contesto di bonifica e di riqualificazione di aree industriali dismesse ed aree urbane abbandonate, di cui il progetto Brodise presenta tre casi pilota di sperimentazione (Trieste, Bilbao e Seixal). Inoltre, come caso emblematico su tali tematiche, Francesca Proni per il Comune di Ravenna illustrerà l’intervento di riqualificazione riguardante il quartiere Darsena, mettendo in evidenza finalità e obiettivi del Piano operativo comunale con particolare riferimento agli aspetti della sostenibilità ambientale, culturale, sociale.

Infine verranno presentati alcuni progetti di innovazione tecnologica e sociale a servizio dei cittadini, come quello di Kirecò, Parco per l’innovazione sociale e ambientale di Ravenna, da parte del presidente della omonima cooperativa sociale onlus Antonio Lazzari, e progetti di partecipazione giovanile e innovazione sociale finanziati dall’Anci, vincitori degli avvisi “ComuneMente Giovane” e “MeetYoungCities”, di alcuni comuni dell’area romagnola. L’intervento conclusivo sarà di Paolo Testa, dell’Osservatorio Smart City Anci.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Scoppia l'incendio nell'officina meccanica, mobilitati i vigili del fuoco

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento