Coronavirus, Cna dona all'Ausl saturimetri per i pazienti in quarantena

Inoltre, alcune aziende stanno producendo, con grande spirito di servizio, mascherine con fattura artigianale in tnt da fornire, spesso a prezzo di costo, ad altre aziende

In questi giorni in cui molte aziende hanno sospeso l'attività, Cna continua a informare costantemente le proprie imprese associate, nonché a erogare loro i servizi necessari. Anche se le aziende sono in difficoltà non viene meno, e anzi si sta rafforzando, il senso di comunità: si moltiplicano le iniziative a sostegno soprattutto di medici e infermieri che sono in prima linea ed è accresciuta anche la solidarietà tra aziende del territorio per superare questo difficile momento.

Cna Romagna Faentina ha così deciso di donare, su richiesta dell'Ausl Romagna, alcuni saturimetri per monitorare già da oggi i pazienti in quarantena affetti da Coronavirus e di attivare il proprio sistema per reperire, presso le imprese associate, dpi utili a medici ed infermieri, in particolare camici monouso e altre protezioni. Inoltre, alcune aziende stanno producendo, con grande spirito di servizio, mascherine con fattura artigianale in tnt da fornire, spesso a prezzo di costo, ad altre aziende che non possono interrompere la produzione ma devono in via cautelativa proteggere i propri dipendenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Valutare con esattezza l'entità degli impatti economici del Coronavirus sul territorio faentino al momento non è semplice - dichiara il responsabile Cna Romagna Faentina, Luca Coffari - Certo un dato è molto preoccupante e riguarda le casse integrazioni richieste dalle aziende, che solo presso la nostra sede di Faenza sono circa un’ottantina, e molte altre stanno chiedendo informazioni a riguardo. Questi ammortizzatori sociali sono stati richiesti sia da aziende piccole, ma anche da realtà molto strutturate con decine e decine di dipendenti. Il decreto Cura Italia è un primo passo, ma ne serviranno certamente altri per riavviare l'economia e le imprese al termine di questa grave emergenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento