Dalla Cmc arrivano 30mila euro per le popolazioni terremotate

Devolvere il corrispettivo di 2 ore di lavoro: questo l'obiettivo che i soci e i dipendenti del Gruppo CMC si erano posti lo scorso giugno per sostenere le popolazioni colpite dal disastroso terremoto

Devolvere il corrispettivo di 2 ore di lavoro: questo l’obiettivo che i soci e i dipendenti del Gruppo CMC si erano posti lo scorso giugno per sostenere le popolazioni colpite dal disastroso terremoto che aveva colpito l’Emilia Romagna. L’adesione è stata pressoché unanime e, così, sono stati raccolti 15mila euro; CMC ne ha aggiunto altri 15mila e si è arrivati a 30mila. L’intera somma sarà versata, nei prossimi giorni, sul Fondo di intervento, istituito dalle associazioni cooperative (AGI, CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP) e le Organizzazioni Sindacali (CGIL, CISL, UIL).

“È un risultato di cui andiamo fieri – ha dichiarato il Presidente Matteucci – e che dimostra  quanto ancora siano forti, in CMC, i valori solidaristici e mutualistici della cooperazione. Valori, e si vede soprattutto in questi frangenti, che improntano profondamente l’intero tessuto Istituzionale, civile ed economico di questa Regione, permettendole di reagire con successo anche alle maggiori avversità. E lo dimostrano ampiamente i risultati che, ai vari livelli, si stanno già conseguendo nella ricostruzione.”

“Già all’indomani del sisma, CMC aveva offerto il proprio fattivo contributo alla ricostruzione– ha ricordato infine il Presidente Matteucci – comunicando alle autorità competenti la disponibilità a fornire una squadra di otto uomini, forniti di mezzi e attrezzature.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento