Darsena, l'appello al premier Conte contro l'aumento dei canoni: "Le imprese portuali sono a rischio"

Nella missiva Assomarinas, che evidenzia la "paralisi finanziaria di Marina di Ravenna", implora Giuseppe Conte di fare quanto in suo potere per sbloccare questa situazione

Una lettera con numeri chiari e precisi e un appello: salvare le darsene italiani. La ben nota questione sono i canoni quadruplicati con la finanziaria del 2007 e il destinatario è il premier Giuseppe Conte. A scrivere nero su bianco è il presidente di Assomarinas, l’Associazione italiana dei porti turistici, Roberto Perocchio. "La nostra categoria - scrive - attende da anni da parte del legislatore un chiarimento normativo che ponga fine a questo assurdo contenzioso, per restituire la speranza e la regolarizzazione gestionale agli operatori coinvolti. Vi sono infatti decine di cause pendenti a rischio la sopravvivenza delle imprese portuali coinvolte e tutta la filiera del turismo nautico da esse generata".

Nella missiva Assomarinas, che evidenzia la "paralisi finanziaria di Marina di Ravenna", implora Giuseppe Conte di fare quanto in suo potere per sbloccare questa situazione o richiedendo all’Agenzia del Demanio una circolare chiarificatrice o, introducendo nella prossima legge di bilancio una norma interpretativa. Le evidenziamo il testo di una possibile norma risolutiva suggeritaci dal professor Stefano Zunarelli, titolare di Diritto della Navigazione all’Università di Bologna. In sintesi, si chiede la non applicazione degli incrementi fissati dalla Finanziaria del 2007 alle concessioni già rilasciate in precedenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento