25mila crocieristi da tutto il mondo. Ravenna si candida a vice-Venezia

La stagione 2014, iniziata con la Costa Classica, sta per avere il suo culmine con lo scalo inaugurale della Regal Princess di domenica 31 agosto che verrà replicato nella giornata di mercoledì 24 settembre

La stagione crocieristica al terminal di Porto Corsini è arrivata alla svolta di Ferragosto. Quasi 25.000 crocieristi sono già arrivati da tutto il mondo a bordo delle navi da crociera per visitare Ravenna e il suo territorio. La stagione 2014, iniziata con la Costa Classica, sta per avere il suo culmine con lo scalo inaugurale della Regal Princess di domenica 31 agosto che verrà replicato nella giornata di mercoledì 24 settembre. La nave è l’ultima nata della flotta Princess Cruises, che aggiunge al fascino dell’andar per mare con lo stile anglosassone, l’altissimo standard di qualità e servizi deluxe.

“Quattromila passeggeri scopriranno i tesori artistici, storici, culturali, naturali e gastronomici della nostra città, che in questa occasione dovrà sfoggiare tutta la propria vocazione nel campo dell’accoglienza – evidenzia  il presidente di Ravenna Terminal Passeggeri, Tiziano Samorè -. È molto importante che questi crocieristi portino con sé a lungo un piacevole ricordo di Ravenna e la suggeriscano ad amici e parenti come destinazione del cuore”.

“Tanto più importante - prosegue Samorè - visto che da pochi giorni è stato fatto il primo passo concreto per determinare il futuro delle crociere a Venezia.  Il cosiddetto “Comitatone”, convocato a Roma l’8 agosto, ha sancito quanto previsto dal decreto Clini-Passera 79/2012 e dalla successiva ordinanza della Capitaneria di Porto di Venezia, cioè le limitazioni al traffico delle grandi navi (superiori a 96.000 tonnellate di stazza lorda già nel 2015 per arrivare al limite massimo di 40.000 tonnellate di stazza lorda) in bacino San Marco e canale della Giudecca”.

“Il progetto per l’escavo del canale Contorta per il momento è l’unico che sarà sottoposto a valutazione di impatto ambientale, la cui procedura di via è stata immediatamente avviata – chiosa Samorè -. Adesso, oltre ai 90 giorni per la valutazione, si dovranno attendere almeno altri 18 mesi perché il terminal crociere di Marittima sia accessibile alle grandi navi.  È evidente che nel frattempo ci sia la necessità di trovare alternative a Venezia”.

“Ravenna - sottolinea Samorè - ha il porto e il territorio che offrono la migliore combinazione di servizi orientati all’ospite, know-how tecnico, offerta turistica (inclusa l’accessibilità, unica nell’Adriatico, a Firenze con visita in giornata) e vicinanza a due dei maggiori aeroporti italiani (Bologna e Venezia) ed è quindi la soluzione ottimale per delocalizzare parte del traffico destinato a Venezia.  In questo senso i programmi per il 2016 potrebbero portare importanti novità”.

“Per raggiungere questi obbiettivi - conclude Samorè - è determinante che la città e tutte le categorie economiche diano un forte segnale e accolgano i crocieristi della Regal Princess con la massima espressione della leggendaria accoglienza romagnola, garantendo l’apertura delle attività presenti nel centro storico”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento