Ecobonus, Confartigianato contro lo sconto in fattura: "Premia solo le grandi imprese"

E’ un "no" secco quello che arriva dal segretario provinciale di Confartigianato Tiziano Samorè allo sconto sulle fatture per gli interventi relativi all’ecobonus e al sismabonus

E’ un "no" secco quello che arriva dal segretario provinciale di Confartigianato Tiziano Samorè allo sconto sulle fatture per gli interventi relativi all’ecobonus e al sismabonus, previsto dal Decreto Crescita. La misura contestata da Confartigianato e approvata definitivamente dal Senato prevede che i cittadini che effettuano lavori di riqualificazione energetica o antisismici possano chiedere, in alternativa alla detrazione fiscale dal 50% all’85% spalmabile in 10 anni, uno sconto immediato sulle fatture da parte dell’impresa che ha realizzato i lavori. Sconto che l’impresa potrà farsi rimborsare dallo Stato tramite un corrispondente credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque anni. Inoltre, l’impresa potrà scegliere di cedere il credito così acquisito ai suoi fornitori di beni e servizi. Non potrà invece cederlo a istituiti di credito e intermediari finanziari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo meccanismo penalizza le tante imprese artigiane e piccole medie imprese del “sistema casa” presenti sul nostro territorio provinciale che in questi anni hanno visto più che dimezzati i loro ricavi, e che l’attuazione di questo provvedimento rischia di compromettere definitivamente la loro persistenza sul mercato - spiega Samorè - La gravità dello sconto in fattura previsto nel Decreto Crescita è che premia i grandi a discapito dei piccoli. Si rischia infatti di creare una distorsione del mercato in cui soltanto i fornitori più strutturati e dotati di elevata capacità organizzativa e finanziaria potranno anticipare ai clienti la liquidità necessaria a ottenere lo sconto, e disporranno della capienza fiscale sufficiente per compensare il credito di imposta. Insomma, un grandissimo regalo non necessario a favore dei grandi gruppi industriali e delle principali multiutility, oggi fortemente presenti nel mercato della fornitura di prodotti e nell’offerta di servizi relativa all’ecobonus. Anche l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sollecitata da Confartigianato, in una sua pronuncia del 17 giugno 2019, ha evidenziato che lo sconto in fattura per i lavori relativi a ecobonus e sismabonus rischia di distorcere la concorrenza a danno dei piccoli imprenditori. Un mese fa, Salvini e Di Maio sono intervenuti all’Assemblea Nazionale di Confartigianato dichiarando che si sarebbero impegnati per favorire la crescita dell’artigianato e della piccola e media impresa: se questo è il risultato del loro impegno meglio che i vicepremier siano distratti da altri problemi e non si occupino della piccola impresa. E se questo Governo sta davvero dalla parte dei piccoli imprenditori, lo dimostri cambiando subito l’articolo 10 del Decreto Crescita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento