Famiglie colpite dalla crisi: 190mila euro per evitare lo sfratto

L'assessore provinciale alle politiche abitative, Francesco Rivola, ha illustrato al consiglio il protocollo d'intesa per il sostegno alle famiglie colpite da crisi economica mediante il contenimento delle procedure di sfratto

Foto tratta dal web

L'assessore provinciale alle politiche abitative, Francesco Rivola, ha illustrato al consiglio il protocollo d'intesa, sottoscritto il 3 dicembre, da  Provincia , Comuni, CGIL, CISL, UIL, Associazioni dei proprietari e degli inquilini, per il sostegno alle famiglie colpite da crisi economica mediante il contenimento delle procedure di sfratto. L’intesa stabilisce che, a partire da  febbraio 2013 e fino a esaurimento delle risorse, gli inquilini nei cui confronti sia stato avviato un procedimento di sfratto possano chiedere ai Comuni un contributo pari all’80% del canone di affitto per sei mesi (entro un massimo di 4mila euro) avendo preliminarmente raggiunto coi proprietari un accordo sulla sospensione della procedura di sfratto.

I Comuni erogheranno il contributo direttamente ai proprietari. Per accedere al contributo è necessario che gli inquilini abbiano un contratto di locazione regolarmente registrato, pagato il canone per almeno due anni  e che la sopravvenuta morosità sia dovuta a una riduzione del reddito da lavoro causata dalla crisi economica. Il progetto può al momento contare sulla disponibilità di circa 190mila euro ricavati dalle risorse per le politiche abitative assegnate dalla Regione alla Provincia e da questa ripartite tra i Comuni.

“I Comuni svolgono già con proprie risorse azioni di sostegno agli affitti - ha ricordato Rivola, che ha promosso e coordinato il lavoro che ha portato alla firma del protocollo -. Il coinvolgimento delle Associazioni di proprietari e inquilini, che ringrazio per disponibilità e senso di responsabilità dimostrati, è stato sicuramente determinante, in quanto col loro contributo è possibile concedere una tregua nella tensione del mancato pagamento del canone, in previsione dell’auspicabile capacità dell’inquilino di “rientrare” entro qualche mese”.

E' intervenuto dopo l'assessore, il consigliere (PD) Ivan Neri che ha espresso la sua soddisfazione per l'ottimo lavoro di coordinamento fatto dalla Provincia. " Non è facile - ha detto Neri - coi  tempi che corrono e la crisi  trovare un accordo che punti ad aiutare le famiglie che oggi affrontano traumi quali la perdita del lavoro e l'abbandono della casa. Ringrazio anche il personale della Provincia che ho imparato a conoscere in questa mia esperienza amministrativa. Auspico che gli organi di informazione diano visibilità a questo protocollo affinché tutte le famiglie che sono in uno stato di bisogno siano informate".

Il consigliere  Mauro Monti ( Lega Nord) ha ricordato che " molte iniziative di federalismo fiscale sono state bocciate proprio dalla maggioranza che sostiene il governo Monti. Queste risorse per gli sfratti , ad esempio,dovrebbero essere destinate ai cittadini italiani e non come succede per circa il 50 per cento ad extracomunitari che rappresentano solo il 12 per cento della popolazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento