E' nella storia di Cervia: tanti vip e saluti "virtuali" per i sessant'anni del Fantini Club

I grandi “amici del Fantini Club” che non hanno potuto presenziare fisicamente alla serata, hanno mandato via video un saluto speciale agli ospiti presenti. Fra questi anche Alex Zanardi

Sessant'anni e non sentirli. Il Fantini Club di Cervia ha celebrato venerdì il prestigioso traguardo in una serata di gala che ha visto la presenza di tantissimi ospiti. Fra gli ospiti intervenuti sul palco del Fantini Club, moderati dal giornalista Lorenzo Dallari: Arrigo Sacchi, Massimo Bonini, Lorenzo Minotti, Mark Juliano e nomi “storici” del volley italiano come Piero Molducci, Stefano Pascucci, Mauro Gavotto, Giuseppe Patriarca e Darina Mifkova.

La serata si è aperta con i saluti del sindaco di Cervia Massimo Medri: "Ricordo i primi tempi del beach volley, che è nato al bagno Fantini. Si è partiti dal di lì per portare tante altre discipline sportive e oggi abbiamo una città che si può definire città dello sport”; e quelli di Gianmaria Manghi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna: "Questa è una realtà di qualità, che credo sia un punto di riferimento perchè questa coniugazione fra la promozione del territorio e lo sport è un po' l'idea dell'Emilia-Romagna. Sono queste le realtà che ci hanno  consentito di crescere di 15 milioni negli ultimi quattro anni, da 45 a 60 milioni, risultato straordinario che si deve anche al privato che fa queste cose".

I grandi “amici del Fantini Club” che non hanno potuto presenziare fisicamente alla serata, hanno mandato via video un saluto speciale agli ospiti presenti. Fra questi anche Alex Zanardi: "Ci tenevo ad essere con voi, l'unico modo che ho trovato è attraverso questo video, a causa dei tanti impegni sportivi ... Continuo a darmi traguardi ambiziosi da raggiungere, peraltro spero di poterlo fare anche al prossimo settembre all'Ironman di Cervia, che si concluderà proprio davanti al club Fantini". Fra i personaggi intervenuti “virtualmente” alla serata anche Giovanni Malagò, presidente del Coni, Stefano Domenicali, amministratore delegato di Lamborghini, il “coach” Dan Peterson, l’allenatore americano più famoso d’Italia, Gianmarco Tamberi, campione di salto in alto, Davide Mazzanti, CT della nazionale italiana di volley femminile, insieme alla moglie e pallavolista Serena Ortolani, Sergio Scariolo, allenatore di pallacanestro, ed i cestisti Danilo Gallinari, Luigi Datome e Pietro Aradori. Un caloroso saluto, infine, è arrivato direttamente dalla spiaggia di Santa Monica in California, dal campione di beach volley Sinjin Smith.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tanto sport, dunque, ma non solo: ad allietare la serata è stato anche lo spettacolo del comico Max Pisu di Zelig. Il Gran Galà dei Sessant’anni del Fantini Club è stata una festa straordinaria che ha saputo regalare forti emozioni, terminata in bellezza con uno spettacolo di fuochi d’artificio sulla spiaggia. Grande soddisfazione del patron Claudio Fantini, per l'importante traguardo raggiunto: "E' una grande emozione per me questa serata, anche perché mi ricorda i miei genitori, che con grandi sacrifici aprirono nel 1959. Già mia mamma Fiorina fu all’epoca lungimirante nel dare ai clienti servizi innovativi rispetto a gli altri bagni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento