Filiera suinicola più trasparente, Coldiretti: "Tutti i vantaggi per allevatori e consumatori"

Una filiera suinicola più forte e trasparente a tutto vantaggio degli allevatori e dei consumatori

Una filiera suinicola più forte e trasparente a tutto vantaggio degli allevatori e dei consumatori. Questo l’obiettivo cui tendono i recenti provvedimenti licenziati da Governo e Ministero dell’Agricoltura, ossia il Decreto sul prosciutto del 5 dicembre scorso e i nuovi Disciplinari dei Consorzi San Daniele e Parma.

Il Decreto firmato dalla Ministra Bellanova spinge molto sul concetto di trasparenza, prevedendo sia un fondo da 5 milioni per garantire massima equità e chiarezza nella formazione dei prezzi nelle Cun, sia l’introduzione dell’obbligo di etichettatura d’origine per tutti i salumi, quindi con ampia tutela del consumatore finale e dell’intera filiera suinicola made in Italy, nella quale operano allevatori e produttori  che investono quotidianamente in qualità.

Il fondo, entrando nel dettaglio, oltre ad incentivare i contratti di filiera e promuovere il consumo delle carni suine informando il consumatore, prevede anche contributi per acquistare e installare macchine di valutazione automatica delle carcasse (3 milioni), campagne di comunicazione e valorizzazione della filiera con particolare attenzione al prosciutto Dop (1,5 milioni) e trasparenza nella determinazione dei prezzi con analisi dei dati di mercato e utilizzo di software avanzati (0,5 milioni). Fondamentale, per Coldiretti, anche il via libera all’obbligo dell’etichettatura e quindi dell’indicazione della provenienza per le carni suine trasformate, provvedimento atteso dal 93% degli italiani che ritengono importante conoscere l’origine degli alimenti e dire finalmente basta all’inganno di prosciutti e salami fatti con carne straniera ma spacciati per made in Italy. Secondo il testo del decreto, i produttori devono indicare in maniera leggibile sulle etichette le informazioni relative a “Paese di nascita degli animali, paese di allevamento e di macellazione.

La dicitura “100% italiano” è utilizzabile solo se la carne è proveniente da suini nati, allevati, macellati e trasformati in Italia.  l settore della produzione di salumi e carne di maiale – ricorda Coldiretti – in Italia, dalla stalla alla distribuzione, vale 20 miliardi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il provvedimento sull’etichettatura – commenta il Direttore Coldiretti Ravenna Assuero Zampini - fa finalmente chiarezza rispetto a una situazione che vede oggi tre prosciutti sui quattro venduti in Italia fatti con cosce di maiali provenienti dall’estero, all’insaputa dei consumatori e facendo concorrenza sleale ai nostri allevatori”. L’etichettatura dei salumi è l’ultimo capitolo della storica battaglia per la trasparenza condotta dalla Coldiretti che, con la raccolta di milioni di firme, ha portato l’Italia all’avanguardia in Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

Torna su
RavennaToday è in caricamento