Gli albergatori di Cervia visitano la Bassa Romagna

Martedì prosegue il corso di formazione sul turismo integrato organizzato da Ascom Confcommercio Cervia in collaborazione con Iscomer Ravenna

Martedì prosegue il corso di formazione sul turismo integrato organizzato da Ascom Confcommercio Cervia in collaborazione con Iscomer Ravenna. Gli albergatori cervesi visiteranno nell’arco della giornata quattro località della bassa ravennate: Massalombarda, Alfonsine, Fusignano e Bagnara, facendo sosta nei principali siti di interesse turistico. La prima tappa è al Museo della Frutticoltura Adolfo Bonvicini di Massalombarda, dedicato alla storia dell’agricoltura e delle imprese ortofrutticole massesi.

Qui, infatti, tra fine ‘800 e inizio ‘900 furono sperimentati i primi impianti a livello nazionale di coltivazione degli alberi da frutto, in particolare dei peschi. Massalombarda è anche il paese della “Crostatona”, il dolce entrato nel guinness dei primati con i suoi duecento metri di lunghezza che viene preparato in occasione di una grande festa nel mese di agosto.

Si prosegue con Casa Monti di Alfonsine, luogo natale del poeta Vincenzo Monti, recentemente restaurata e adibita  a museo storico e a sede del Punto Informativo del Parco del Delta del Po e della Riserva naturale di Alfonsine. Terza tappa la settecentesca Villa Tamba a San Bernardino di Fusignano, dimora signorile di campagna circondata da un parco secolare di 3500 mq., oggi prestigiosa location  per convegni e cerimonie. A Fusignano è in programma la visita del piccolo Museo Civico San Rocco dove è conservata un’ importante collezione di targhe devozionali in ceramica.

Dopo il  pranzo presso il ristorante La Voglia Matta, a Bagnara di Romagna saranno visitate Villa Morsiani, la Rocca Sforzesca e il Museo Pietro Mascagni. Il corso di formazione è giunto quest’anno alla sua 15a edizione e continua e ad essere richiesto dagli operatori turistici cervesi grazie alla formula originale “ on the road”. E’, infatti, strutturato in sei uscite nell’entroterra romagnolo nelle quali si concentrano le visite alle migliori eccellenze artistico-culturali, ambientali ed enogatronomiche del territorio che possono integrare la tradizionale offerta balneare di Cervia.

Sono oltre 200 gli operatori che dal 1996 ad oggi vi hanno partecipato traendone profitto per la loro attività promozionale sui mercati italiani ed esteri. Il corso è gratuito grazie ai finanziamneti del Fondo Sociale Europeo, della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Ravenna. Il corso della durata di 47 ore  è cofinanziato dal FSE, dalla Regione Emilia Romagna e dalla Provincia di Ravenna (operazione Rif. PA 2010 – 444/RA – “Progetto ospitalità: per corsi di marketing territoriale” progetto n. 4: Il mare incontra: entroterra, cultura e gastronomia).

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

  • Creme solari, quali sono le 4 sostanze chimiche pericolose per la salute

  • Bagaglio perso o danneggiato in aeroporto: ecco cosa fare per il rimborso

I più letti della settimana

  • Falciano un ciclista e scappano, 25enne lasciato morire sul bordo della strada

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento