Il vino ravennate punta all'Asia: confronto tra i giovani agricoltori di Coldiretti

Nasce proprio da questa ‘lettura del futuro’ il progetto ‘Bollicine e territorio’ che sarà presentato il 26 febbraio nell’ambito della tavola rotonda ‘La Romagna si muove e chiama la UE’ in programma dalle 20.30 alla Sala Zanelli di Faenza Fiera

“Il futuro dell’agricoltura ravennate passa dalla valorizzazione e innovazione della nostra viticoltura”. Questo il messaggio lanciato all’unisono da Marco Gambi, delegato uscente di Giovani Impresa e dal suo successore alla guida del movimento Giovani di Coldiretti Ravenna Michele Graziani, in apertura dell’ultimo appuntamento della rassegna ‘Visti da vicino – Incontri con i protagonisti dell’agricoltura’. Un messaggio condiviso dai numerosi imprenditori agricoli under 30 che sedevano in platea, ben consapevoli dell’importanza della viticoltura non solo per l’agricoltura, ma per tutta l’economia locale. Non a caso proprio loro, proprio i giovani, che il futuro possono e devono scriverlo e che operano nella provincia con la superficie vitata più ampia della regione, hanno promosso l’incontro battezzato “Vigneto Romagna – Opportunità di crescita attraverso programmazione, innovazione, diversificazione e dinamismo” invitando a relazionare i vertici  di Caviro, la più grande filiera vitivinicola italiana con 13mila viticoltori associati per 2 milioni di litri imbottigliati, leader sul mercato italiano, ma con un buon 30% della produzione che finisce all’estero, dall’Inghilterra agli Usa sino in Cina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Davanti ad una platea numerosa e interessata, il presidente Caviro Carlo Dalmonte ha subito messo in chiaro la strada per intercettare la crescita, con ricadute dirette sul reddito dei produttori: “Il mercato italiano è maturo, anzi, direi ormai saturo e sconta calo dei consumi e produzione nazionale inalterata – ha esordito – bisogna dunque trovare nuovi sbocchi per l’export, tenendo però bene a mente che il vino è il prodotto più globalizzato del pianeta”. Per vendere, quindi, ha preso la parola il Direttore Caviro SimonPietro Felice, “bisogna attrezzarsi e differenziarsi, puntando sull’identità di prodotto e cercando di intercettare sia i gusti dei consumatori, oggi più orientati alle ‘bollicine’ e a vini con gradazione non elevata, che i mercati in espansione, in primis Stati Uniti e Cina”. Nasce proprio da questa ‘lettura del futuro’ il progetto ‘Bollicine e territorio’ che sarà presentato il 26 febbraio nell’ambito della tavola rotonda ‘La Romagna si muove e chiama la UE’ in programma dalle 20.30 alla Sala Zanelli di Faenza Fiera alla presenza del Gruppo Caviro, Terre Cevico, Consorzio Vini di Romagna e del Presidente e dell’assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, rispettivamente Stefano Bonaccini e Simona Caselli. “Un progetto – ha accennato il Direttore Caviro – che nasce da uno studio del ‘fenomeno Prosecco’, prodotto che ha nella Romagna il suo mercato di riferimento, e che si fonda sia su una convinzione – per essere vincenti all’estero occorre andare uniti sul mercato – che su di una necessità, valorizzare con qualità le nostre uve trebbiano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alberi caduti, nubifragi e allagamenti: i temporali seminano danni

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

  • Presunto ordigno bellico: divieto di accesso ad una delimitata zona di spiaggia a Marina di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento