mercoledì, 23 aprile 18℃

Italia campione del mondo di panificazione: "qualità e novità"

La nazionale italiana ha vinto la Golden Bread Cup, la "coppa del mondo" di panificazione andata in scena all'interno dello stand del Club arti & Mestieri nell'ambito del Sigep

Redazione25 gennaio 2013

La nazionale italiana ha vinto la Golden Bread Cup, la “coppa del mondo” di panificazione andata in scena all’interno dello stand del Club arti & Mestieri nell’ambito del Sigep, alla fiera di Rimini. La ufficializzazione del verdetto è giunta giovedì sera, quando al voto già espresso dai giurati professionali - che per i cinque giorni di fiera hanno assaggiato tutte le specialità proposte – si è aggiunto quello del pubblico, sia con lo spoglio delle schede consegnate durante la fiera, sia con il conteggio dei voti espressi attraverso la pagina facebook del Club (una novità di questa edizione, molto seguita).

Nella classifica finale, l’Italia ha preceduto nell’ordine Ungheria, Israele, Germania e Stati Uniti. Capitano della squadra il ravenna Mauro Alboni, vicepresidente e fondatore del Club Arti & Mestieri, ha presentato un pane salutistico innovativo: il pane a vapore senza glutine, che ha colpito la giuria e i presenti. Un pane dietetico, biologico, a basso indice glicemico e cotto a vapore, quindi molto facile da cucinare. Il team protagonista della vittoria era composto da Maurizio Guidotti, stimato chef di San Giovanni in Persiceto, ha partecipato nella categoria “pane artistico”, e ha coordinato gli impiattamenti dei prodotti; Massimiliano Placca, di Piazza Armerina (in Sicilia), “new entry” della nazionale, si è esibito nella categoria “dolci da forno”, presentando un cannolo siciliano e la torta delizia; e Giovanni Di Bella, sempre di Piazza Armerina, per la categoria “pane tradizionale”, ha presentato la “mafalda” e il pane di San Giuseppe, un pane decorativo della tradizione siciliana.

Molto soddisfatto il capitano Alboni: “Giocando in casa dobbiamo sempre dimostrare qualcosa in più, per evitare che qualcuno sospetti favoritismi – ha detto -. Abbiamo lavorato molto sia sulla qualità che sulla novità delle nostre proposte: per dare un segnale che rimanga nel tempo, anche al di là della vittoria della Coppa. Volevamo presentare pani che fossero buoni e anche accessibili a tutti: il mio pane salutista, ad esempio, parte da questa logica. Sono contento sia di aver incuriosito i giudici, sia del voto popolareanche quello espresso tramite facebook. La nostra affermazione, insomma, è stata quasi un plebiscito... Ma voglio ringraziare di cuore anche le altre squadre (in primis gli statunitensi, che sono rimasti due giorni in più alla Fiera proprio per aiutarci in cucina): anche quest’anno, la Coppa ha davvero rafforzato il clima di unione, conoscenza reciproca e amicizia fra tutte le squadre, che è il vero obiettivo di questa manifestazione”.

Annuncio promozionale

Ora il prossimo grnde appuntamento del Club Arti & Mestieri è a Piazza Armerina, nel cuore della in Sicilia: nella cittadina in cui sorge la straordinaria Villa del Casale, reperto romano dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, il Club realizzerà infatti fra il 16 e il 19 marzo prossimi un nuovo grande evento enogastronomico dedicato al Mediterraneo, che avrà caratura internazionale - con ospiti di molte delle nazioni che si affacciano sul "Mare Nostrum" - e sarà collegato alle tradizionali "Tavolate di San Giuseppe", manifestazione che da secoli si svolge nella cittadina in concomitanza con la ricorrenza del Santo, appunto il 19 marzo.

pane
sigep

Commenti