La Cassa integrazione s'impenna: in un mese aumentata di oltre il 200%

Il maggiore incremento si concentra sulla Cig ordinaria che, da 406.947 ore, sale a 467.351 ore (+14.8%), mentre la Cig straordinaria, con un +8,9%, va da 330.007 ore a 359.449 ore

Con un +12,2%, aumenta la cassa integrazione in Emilia Romagna. Nel giro di un mese dicembre 2018-gennaio 2019, la Cig passa da 736.954 ore a 826.800 ore. Il maggiore incremento si concentra sulla Cig ordinaria che, da 406.947 ore, sale a 467.351 ore (+14.8%), mentre la Cig straordinaria, con un +8,9%, va da 330.007 ore a 359.449 ore. Un segno più, ma contenuto; tanto da collocare l’Emilia Romagna nella parte bassa di un’ideale classifica (12esimo posto) ai cui vertici, tra le realtà in cui la Cig aumenta, c’è la Liguria (+613,1%) seguita da Valle d’Aosta (+530,2%), Bolzano (+310,9%), Trento (+105,7%). A scattare la fotografia dell’andamento della Cig nel nostro Paese, è il Servizio Politiche attive e passive del lavoro della Uil.

Venendo all’Emilia Romagna, la Cassa diminuisce a Reggio Emilia (-93,1% da 329.537 a 22.748 ore) e a Forlì Cesena (-81,7% da 56.835 a 10.381 ore). S’impenna, invece, a Ferrara toccando quota +2.358,7% (da 6.931 a 170.413 ore). Con +208,3%, si piazza Ravenna (da 18.775 a 57.873 ore) seguita, con +101,1%, da Piacenza (da 46.824 a 94.179 ore).  Modena segna +92,6% (da 112.901 a 217.421 ore), mentre Rimini si attesta a +60,6% (da25.177 a 40.438 ore). Chiudono Bologna con +57,3% (da 126.398 a 198.860 ore) e Parma con +6,7% (da 13.576 a 14.487 ore).

"Queste percentuali – commenta il segretario generale Uil Emilia Romagna e Bologna, Giuliano Zignani – evidenziano, in particolare, come la variazione congiunturale e tendenziale della Cig ordinaria mostri un incremento. Ciò potrebbe essere conseguenza, in parte, della recessione tecnica in atto e in gran parte, della mancanza di investimenti necessari al rilancio dell’economia del Paese. Su questo s’innesta il blocco delle infrastrutture in Emilia Romagna: uno stop che sta dando i primi segnali, molto preoccupanti. Perché se è vero, come è vero, che, grazie al Patto per il lavoro, l’Emilia Romagna ha un incremento della Cig contenuto, riuscendo al contempo a tenere sul fronte occupazionale, è innegabile come il mancato avvio delle grandi opere rischi di causare danni ancora più gravi. Ricordo che si tratta di opere già pronte a partire, con finanziamenti già stanziati. L’Emilia Romagna, regione locomotiva dell’economia nazionale, tiene, ma i primi scricchiolii cominciano a farsi sentire. Nell’attesa dell’incontro a Roma per capire tempi e modi dell’avvio delle infrastrutture, forse sarebbe opportuno fare il punto delle situazione sul Patto per il lavoro così da introdurre eventuali strumenti nel caso in cui la recessione tecnica dovesse farsi sentire in modo ancora più netto".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tentano la rapina, ma dentro c'erano già i Carabinieri: bloccato lo 'sfortunato' fuggitivo

  • Cronaca

    La spiaggia per disabili nata dal sogno di Dario, scomparso per la Sla, raddoppia

  • Cronaca

    Si ferma davanti alla Polizia e cade dalla moto: era ubriaco e senza assicurazione

  • Cronaca

    Nuovi varchi elettronici per la città: scoprono anche le auto senza assicurazione

I più letti della settimana

  • Viola vince 190mila euro all'Eredità: "Regalerò un viaggio in America a mia madre"

  • Finisce in acqua con l'auto, scattano le disperate ricerche del corpo: ma la donna era a casa sua

  • Attimi di terrore in banca: preso un bandito, l'altro fugge per le vie del centro. E' caccia all'uomo

  • Violenta esplosione in un'azienda: due ustionati, uno è in condizioni gravissime

  • Scossa di terremoto questa mattina: avvertita in alcuni comuni collinari del faentino

  • La collisione tra due navi causa uno sversamento di gasolio: caos al porto

Torna su
RavennaToday è in caricamento