Lettera aperta dei bagnini della riviera romagnola al premier Conte: "Risorse insufficienti"

Una lettera congiunta, firmata da tutti i consorzi e le cooperative degli esercenti balneari della riviera Romagnola per ribadire al premier Conte e al Governatore Bonaccini che "le misure messe in campo per il turismo sono insufficienti"

Una lettera congiunta, firmata da tutti i consorzi e le cooperative degli esercenti balneari della riviera Romagnola per ribadire al premier Conte e al Governatore Bonaccini che "le misure messe in campo in questa crisi per il turismo sono insufficienti". Un documento per rimarcare l'indifferenza da parte delle istituzioni al "mondo del balneare", il caos nella stesura dei protocolli e l'anomalia di alcune norme (come quella sul contagio equiparato ad infortunio sul lavoro) che rendono ancora più problematico affrontare questa stagione turistica. 

Recita la lettera al premier: “Le misure economiche finora adottate per il settore del turismo evidenziano, dopo una prima lettura delle anticipazioni sul decreto Rilancio, che questa importante voce del bilancio nazionale, regionale e locale, viene trattata con considerazione insufficiente in riferimento alla sua rilevanza economica e sociale. Non si tiene nella giusta considerazione che l’intero comparto rappresenta invece il 15 % del PIL nazionale e una percentuale ancora più rilevante di quello della Regione Emilia Romagna. Il settore del turismo corre il rischio di essere dimenticato e abbandonato. In particolare quello balneare sta subendo una battuta d’arresto dalla quale probabilmente non si potrà più riprendere. Soprattutto quelle micro imprese a conduzione famigliare che, tanto lustro hanno dato negli anni a questa vera e propria industria dell’accoglienza”.

“La crisi che ci attanaglia, se non adeguatamente affrontata, porterà con sé non solo le imprese, le famiglie che vi lavorano e i dipendenti impiegati nel settore, ma trascinerà nel baratro anche le nostre Amministrazioni Comunali che sono ormai al collasso. Ne consegue che tutta la comunità verrà a soffrire della mancanza di un sostanziale indotto che, fino a qualche mese fa, alimentava l’intero tessuto sociale. Nei vari provvedimenti, finora emanati a sostegno delle imprese, non si riscontra alcuna vera e concreta indicazione a favore del balneare. Se le nostre aziende non verranno aiutate attraverso immediati provvedimenti che prevedano: la riduzione dell’IVA, la eliminazione del canone demaniale per i prossimi anni, l’affrancamento dal costo del servizio di salvataggio, la riduzione dell’IMU e della TARI, allora saranno destinate all’oblio”.

“Altra problematica fondamentale per il comparto balneare, in questo momento di grande incertezza per le imprese, è la necessità che venga riconosciuta alla Regioni la possibilità per cui i protocolli dalle stesse emanati abbiano un valore cogente e costituiscano per le imprese balneari un punto di riferimento certo. Inoltre, per ultimo, ma non per questo di minore rilevanza, il problema della responsabilità in caso si dovessero malauguratamente verificare situazioni di contagio da Covìd – 19 all’interno delle nostre aziende. L’art. 42, comma 2, del decreto legge n. 8 del 17 marzo 2020 (cosiddetto decreto Cura Italia, convertito con modificazioni nella legge 24 aprile 2020 n. 27), ha sancito che il contagio da Coronavirus, quando verificatosi in occasione di lavoro, debba essere trattato dall’INAIL come un infortunio sul lavoro. Ne deriva, inevitabilmente, una potenziale responsabilità del datore, di rilevanza anche penale, per l’ipotesi in cui i suoi dipendenti risultino effettivamente essere stati contagiati in ambito lavorativo, con oneri gravosi a Suo carico per provare di essere esente da responsabilità”. 

“La stagione estiva, climaticamente ormai alle porte, solo se ben affrontata e gestita con l’impegno da parte di tutti, ci potrà consentire di sopravvivere e in seguito riprendere la faticosa strada della crescita per tornare ad occupare il ruolo trainante che avevamo prima dell’emergenza sanitaria”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Firmano la lettera: Cooperativa Operatori di Spiaggia di Rimini ; Consorzio Operatori Balneari Marina Riminese ; Cooperativa Bagnini di Riccione; Cooperativa Bagnini di Cattolica; Consorzio la Regina Cattolica; Cooperativa Bagnini Adriatica Riccione; Consorzio Marina Saracena ; Cooperativa Bagnini di Bellaria Igea Marina; Cooperativa Bagni Villamarina e Gatteo Mare; Cooperativa Stabilimenti Balneari di Cesenatico ; Cooperativa Bagnini Cervia; Associazione turistica Mare Futuro San Mauro Mare; Cooperativa Gestione Servizi Turistici Volano; Cooperativa Spiagge Ravenna;  CESB Lido Estensi e Lido di Spina ; Consorzio ASBALNEARI Lido Scacchi – Pomposa e Nazioni (Comacchio).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Laura, unico caso di Coronavirus a Bagnara: "Il tampone era negativo, l'ho scoperto col test sierologico"

Torna su
RavennaToday è in caricamento