Lotta alla povertà: un progetto di legge per il microcredito d'emergenza

Un prestito finanziario di modesta entità destinato a soggetti che, per la loro vulnerabilità sociale ed economica, sono normalmente esclusi dai canali commerciali di credito

Una legge regionale a sostegno del microcredito: è questa la proposta del Pd in Emilia-Romagna che venerdì ha presentato un progetto di legge per regolamentare un prestito finanziario di modesta entità destinato a soggetti che, per la loro vulnerabilità sociale ed economica, sono normalmente esclusi dai canali commerciali di credito.

La misura è rivolta a persone fisiche che si trovino in condizione di particolare vulnerabilità economica o sociale a causa di uno stato di disoccupazione, della sospensione o riduzione dell'orario di lavoro per cause non dipendenti dalla propria volontà, o ancora per il sopraggiungere di condizioni di non autosufficienza propria o di un familiare, per significativa contrazione del reddito o per l'aumento delle spese non derogabili.

“Per loro proponiamo un prestito finalizzato all'acquisto di beni o servizi necessari al soddisfacimento di bisogni primari, che non può eccedere i 10.000 euro e deve essere restituito al massimo in cinque anni. A questa misura, utile a fronteggiare l’emergenza, chiediamo che si accompagni un complessivo progetto di inclusione sociale e finanziaria rivolto al beneficiario - spiega il consigliere regionale Giorgio Pruccoli, che ha sottoscritto il progetto di legge a prima firma del collega Antonio Mumolo - Con questo strumento ribadiamo ancora una volta che in Emilia-Romagna non vogliamo lasciare indietro nessuno".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Sangue sulle strade: travolto da un'auto muore sul colpo, grave l'automobilista

  • Attimi di terrore nella notte: accoltellato e lasciato esanime in strada

  • Sbanda e finisce in un fosso: 32enne in ospedale, è gravissima

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

Torna su
RavennaToday è in caricamento