Nuovo patto del trasporto pubblico: se ne parla in un convegno

La Regione ha promosso il Patto per il Trasporto Pubblico Locale allo scopo di garantire l’equilibrio economico del sistema e di rispondere alle esigenze di mobilità dei cittadini e di maggiore tutela dell’ambiente

La Regione Emilia-Romagna ha recentemente promosso il Patto per il Trasporto Pubblico Locale allo scopo di raggiungere e garantire l’equilibrio economico del sistema e di rispondere alle esigenze di mobilità dei cittadini e di maggiore tutela dell’ambiente. Si tratta di una riforma complessiva che mira a ridisegnare il settore con investimenti per due miliardi di euro. Entro il 2020 la Regione Emilia-Romagna intende aumentare del 10% i passeggeri del trasporto pubblico su gomma. Una parte importante della riforma riguarda lo svecchiamento del parco autobus, con 600 nuovi mezzi in tre anni, 191 dei quali sono già stati immessi in strada. L’investimento è stimato in 160 milioni di euro, 80 dei quali a carico del bilancio regionale.

Contemporaneamente al Piano, quindi, prosegue il progetto di rinnovamento del parco degli automezzi, grazie anche al co-finanziamento regionale, per offrire agli utenti maggiore comfort e sicurezza, e ridurre l’impatto ambientale. Le aziende private della regione, tra le quali un ruolo importante è svolto dalle aziende romagnole, intendono essere parte attiva del Patto e ritengono di poter dare un positivo contributo al raggiungimento degli scopi che la Regione si prefigge. Fino ad oggi le aziende private, in Regione, hanno acquistato 13 nuovi autobus, di cui 1 elettrico. Altri 18 autobus sono previsti al termine delle procedure della gara Consip attualmente in corso.

Coerbus sottolinea l’importanza e la novità positiva della sinergia che si è stabilita in Emilia-Romagna tra le Istituzioni e le Aziende, pubbliche o private. Su questi temi, il Consorzio che associa le principali aziende private romagnole del Trasporto Persone, organizza il convegno "Nuovo patto del Tpl in Emilia Romagna, il ruolo dei privati a gli investimenti per un Trasporto Pubblico di qualità”. L’incontro si terrà sabato 17 febbraio alle 15 presso la Sala del Consiglio Comunale di Riolo Terme. Dopo il saluto del sindaco di Riolo Terme Alfonso Nicolardi, interverranno Bruno Riccipetitoni, Presidente di Coerbus, su: “ Il ruolo dei privati e il programma degli investimenti”; Marco Benati, Presidente di Start Romagna, su: “ Le prospettive delle aziende del Trasporto Pubblico in Romagna”; Paolo Ferrecchi, Direttore Generale del settore Cura del Territorio e Ambiente della Regione Emilia-Romagna, su “ Il Patto del Tpl: il ruolo dei privati”. Terrà le conclusioni Manuela Rontini, Presidente della III Commissione Consigliare-Territorio, Ambiente, Mobilità della Regione Emilia-Romagna sul tema: “ Il futuro del Tpl”. Allo scopo di rendere noto alla cittadinanza l’impegno messo in atto negli investimenti, dalle ore 14 di sabato lungo Corso Matteotti a Riolo Terme, verranno messi in mostra i nuovi autobus acquistati dalle Aziende del Coerbus co-finanziati grazie ai contributi del Programma operativo regionale dell'Emilia-Romagna il documento di programmazione che definisce strategia e interventi di utilizzo delle risorse comunitarie assegnate alla Regione dal Fondo europeo di sviluppo regionale, nel quadro della politica
di coesione, per la crescita economica e l'attrattività del territorio.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ravenna usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento