Pensionati contro la manovra: venerdì presidio davanti alla Prefettura

“La manovra di bilancio fa cassa sul potere di acquisto delle pensioni di chi ha versato regolarmente i contributi per 40 anni e oltre”

Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil Pensionati di Ravenna si mobilitano contro i provvedimenti contenuti nella Legge di Bilancio 2019. Venerdì 4 gennaio è previsto un presidio in piazza del Popolo a Ravenna, di fronte alla Prefettura, dalle 11 alle 12.

"Il 10 dicembre scorso il presidente del Consiglio Conte ha incontrato le segreterie di Cgil, Cisl e Uil nazionali, ricevendo da queste un pacchetto di proposte di intervento a sostegno dello sviluppo, degli investimenti, dell'occupazione, del sistema di welfare pubblico, del sistema previdenziale e del sistema educativo nazionale. A conclusione di tale incontro ne era scaturito un impegno al confronto sulle singole misure. “Dopo poche ore dall’incontro - commentano i sindacati - abbiamo dovuto prendere atto con forte disappunto che la proposta di bilancio 2019 presentata in Parlamento, non solo non tiene conto di tale impegno, ma nel caso del sistema di rivalutazione delle pensioni previsto dal primo gennaio prossimo non dà attuazione alle intese sottoscritte nel 2016 e ribadite dei governi di centrosinistra per il ripristino del sistema di valutazione delle pensioni sulla base della legge 388 del 2000. La manovra di bilancio 2019 fa cassa sui poteri di acquisto delle pensioni di chi ha versato regolarmente i contributi per 40 anni e oltre" si legge in una nota congiunta dei sindacati.

"Tutto ciò è inaccettabile. I pensionati non si sono mai sottratti alla solidarietà che è, peraltro, lo spirito ispiratore del sistema previdenziale pubblico e della necessità di acquisire, già oggi, una pensione contributiva di garanzia per i giovani. Di tutto questo non vi è traccia nella legge di bilancio in cui mancano anche le misure di sostegno per la non autosufficienza e risorse adeguate di finanziamento al servizio sanitario nazionale.  Riteniamo inaccettabile questo metodo di governo, che mette le mani nelle tasche dei pensionati, andando ad alimentare le schiere dei nuovi poveri. Chiediamo che si apra un confronto a partire dal contenuto delle proposte di Cgil Cisl e Uil su sanità, non autosufficienza, previdenza e fisco per lavoratori e pensionati italiani, i più tartassati in Europa; proposte che risultano disattese dalla legge di bilancio”.

"Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di un governo che nella pratica, facendo cenere di tutto quanto concordato in precedenza, dimostra invece attenzione verso gli inadempienti e gli evasori, togliendo agli onesti che hanno versato e versano regolarmente tutto quanto dovuto alla casse dello Stato" si conclude la nota di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uil Pensionati di Ravenna

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Comprare una casa all'asta: come si fa?

I più letti della settimana

  • Sciagura a Mirabilandia: bambino di 4 anni muore annegato nel parco divertimenti

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • Paura al parco divertimenti: bambino rischia di annegare, è gravissimo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Bimbo morto annegato a Mirabeach, le indagini continuano. La direzione del parco: "Collaborazione con gli inquirenti"

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento