'Prizefish', pesca eco-certificata grazie al progetto dell'università

Prizefish progetterà processi di innovazione dell’intera filiera ittica, sviluppando e implementando nuove tecniche per la pesca nell’Adriatico in grado di generare prodotti eco-certificati

Un futuro sostenibile, innovativo e competitivo per la pesca nell’Adriatico. Con un kick-off meeting a Ravenna prenderà il via mercoledì "Prizefish", progetto italo-croato coordinato dal Centro interdipartimentale di ricerca in Scienze Ambientali (Cirsa) dell’Università di Bologna.

Finanziato dalla Commissione Europea con oltre 2,6 milioni di euro, Prizefish progetterà processi di innovazione dell’intera filiera ittica, sviluppando e implementando nuove tecniche per la pesca nell’Adriatico in grado di generare prodotti eco-certificati. Le imprese del settore ittico, i territori e le comunità rurali che fondano la loro economia sulla pesca potranno così contare su un valore aggiunto che permetterà di conquistare i consumatori più sensibili a prodotti ecologicamente sostenibili.

Come in gran parte del Mediterraneo, anche le risorse ittiche dell'Adriatico sono minacciate da un eccessivo sfruttamento dovuto alla pesca intensiva. Le linee guida internazionali per fare fronte a questo problema sostengono la necessità di azioni innovative, basate su solidi analisi scientifiche, che possano permettere alle imprese ittiche di adottare metodi di pesca con un impatto ambientale ridotto. Da qui parte il progetto Prizefish, che coinvolgerà associazioni di produttori e piccole e medie imprese ittiche di Italia e Croazia, offrendo soluzioni per aumentare la loro sostenibilità ambientale e allo stesso tempo la loro competitività sul mercato europeo ed internazionale. Nasceranno così prodotti della pesca eco-certificati e sostenibili sia dal punto di vista ambientale che in senso economico e sociale.

Coordinato dal Centro interdipartimentale di ricerca in Scienze Ambientali dell’Università di Bologna, Prizefish coinvolge sei partner croati e sette partner italiani tra enti di ricerca, amministrazioni regionali ed associazioni di produttori. Il progetto è finanziato dalla Commissione Europea nell’Asse Prioritario Blue Innovation del programma 2014-2020 Interreg Cbc Italia-Croazia.

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

  • Creme solari, quali sono le 4 sostanze chimiche pericolose per la salute

  • Bagaglio perso o danneggiato in aeroporto: ecco cosa fare per il rimborso

I più letti della settimana

  • Falciano un ciclista e scappano, 25enne lasciato morire sul bordo della strada

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento