Rischia di estendersi il blocco alle trivelle: "Evitare questo colpo mortale al distretto ravennate"

Tra gli emendamenti al decreto Milleproroghe presentati in Parlamento dai 5 Stelle e giudicati ammissibili, infatti, ce ne sono due che sposterebbero a febbraio 2021 la moratoria "blocca-trivelle"

"Evitare un colpo mortale al distretto offshore di Ravenna". E' l'oggetto di un question time presentato al sindaco dal capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi. Tra gli emendamenti al decreto Milleproroghe presentati in Parlamento dai 5 Stelle e giudicati ammissibili, infatti, ce ne sono due che sposterebbero da giugno/luglio 2020 a febbraio 2021 la moratoria "blocca-trivelle" prevista per tutte le attività di prospezione, esplorazione e ricerca di idrocarburi a terra e a mare. Sono infatti gravemente in ritardo i lavori interministeriali per definire il Pitesai, Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, che dovrà indicare le aree al largo delle coste adriatiche “ove è consentito lo svolgimento delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi sul territorio nazionale, volto a valorizzare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle stesse”. Non sono neppure chiari i criteri che verranno adottati per individuare queste zone, che hanno il loro epicentro sulle coste romagnole.

"Si dovrà dunque aspettare un altro anno per avere qualche indicazione su come poter riprogrammare gli investimenti del settore - commenta Ancisi - Durante la campagna delle elezioni regionali, il ministro e il vice-ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri e Antonio Misiani, entrambi del Pd, si erano impegnati, nei confronti rispettivamente delle imprese e dei sindacati, a superare il blocco delle attività di off-shore nel mare Adriatico, come il governo nazionale ha invece già fatto in Sicilia, a Gela, dove pure si estrae petrolio. Tutto ciò contraddice l’obiettivo secondo cui, nel mentre si promuove un mix energetico basato sulle fonti rinnovabili, le più pulite, ma non in grado di coprire tutte le tipologie di fabbisogno energetico, la lotta al cambiamento climatico attraverso la riduzione delle emissioni di gas serra prevede, tra le fonti fossili a minori emissioni, il ricorso al gas naturale, che può garantire continuità ed elevato contributo energetico, in particolare nei settori del trasporto, della grande industria e della chimica. Nel frattempo, mentre i più sofisticati programmi tecnologici di elaborazione dei dati provenienti dal sottosuolo hanno stimato in cinque miliardi di metri cubi l’anno la produzione potenziale di gas estraibile dall’Adriatico senza ricorrere a nuove piattaforme trivellatrici, già ad ottobre scorso la produzione di gas da parte dell’Eni è scesa, con la chiusura dei due pozzi Armida 1 a Ravenna e Regina 1 a Rimini, a poco più di 40mila boe al giorno. Mentre è in corso una procedura di licenziamento collettivo da parte della Schlumberger che colpisce più gravemente Ravenna, Hydro Drilling, azienda ravennate che lavora per Eni, ha bloccato la metà dei due miliardi d’investimento previsti sulla nostra città, con inevitabili ricadute negative sull’occupazione".

"A una situazione già insostenibile, gli emendamenti dei 5 Stelle darebbero dunque un colpo mortale, ha commentato il segretario della Femca Cisl Romagna, Emanuele Scerra - spiega il consigliere - Se prima una parte delle aziende stava cercando di traguardare la gestione di questa crisi all’estate del 2020, qualora si arrivasse ancora oltre, chiuderebbero definitivamente e non ci sarebbe più speranza di salvare il settore. In considerazione di ciò, si ha ragione di chiedere al sindaco quali siano le iniziative che intende attivare perché venga rispettato il termine massimo del giugno/luglio 2020 per varare il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, innanzitutto richiamando il ministro e il vice-ministro dell’Economia e delle Finanze, espressione del suo partito, al mantenimento degli impegni assunti nel corso della campagna per le elezioni regionali del 26 gennaio scorso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confindustria Romagna: "Ripercussioni fatali su occupazione e investimenti"

Allungare di altri sei mesi il blocco alle attività di prospezione e ricerca di idrocarburi "sarebbe come prolungare una traversata nel deserto che ha già fiaccato le aziende più forti, con prime fatali ripercussioni sull'occupazione e sugli investimenti programmati - attacca Confindustria Romagna - E' una lenta agonia in cui alcune imprese, eccellenze mondiali con competenze e tecnologie uniche, hanno già chiuso la sede ravennate, altre stanno facendo ricorso alla cassa integrazione e studiando significativi ridimensionamenti, altre ancora sono in amministrazione controllata". Confindustria Romagna ricorda che "da oltre un anno lo ripetiamo, inascoltati, in ogni iniziativa pubblica e privata" e che la questione è stata affrontata anche in una lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai segretari dei partiti di maggioranza e opposizione tre settimane fa. Confindustria Romagna, quindi, "torna a chiedere l'urgente abrogazione dell'articolo" che blocca le trivelle "o quantomeno il ripristinino dell'ordinamento giuridico antecedente a queste norme, consentendo così alle aziende ravennati di riprendere a operare a supporto delle compagnie impegnate in Adriatico nell'estrazione di gas naturale, unica fonte che può favorire la transizione energetica verso un futuro più sostenibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

  • Fortissima esplosione in un'abitazione: uomo ferito in condizioni gravissime

Torna su
RavennaToday è in caricamento