“Difendiamo il lavoro. No al fallimento della Contarini Fruit”: le foto del presidio

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil si sono dati appuntamento mercoledì mattina davanti ai cancelli della Contarini Fruit per manifestare contro l’ipotesi di fallimento della storica azienda di Alfonsine, con sede in via Reale

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil si sono dati appuntamento mercoledì mattina davanti ai cancelli della Contarini Fruit per manifestare contro l’ipotesi di fallimento della storica azienda di Alfonsine, con sede in via Reale. “Difendiamo il lavoro – No al fallimento della Contarini Fruit” è stato lo slogan che ha accompagnato il presidio. L’iniziativa si è svolto in concomitanza con l’udienza in programma al tribunale di Ravenna nel corso della quale verranno prese importanti decisioni sul futuro dell’azienda.

L’appuntamento in tribunale giunge, infatti, ad alcune settimane di distanza da quando il liquidatore Vladimiro Verduci ha comunicato ai sindacati di aver ricevuto istanza di fallimento verso la Contarini Fruit. La notizia suscitò immediatamente grande preoccupazione tra i lavoratori. “E’ importante continuare a batterci insieme – dicono i rappresentanti di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil – per salvaguardare l’occupazione del territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Il cuore grande dei romagnoli: vacanze in campeggio gratis per medici e infermieri

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

Torna su
RavennaToday è in caricamento