"Senza collegamenti non c'è turismo: investire su strade, aeroporti e ferrovie"

Confcommercio Ascom Cervia chiede alla Regione Emilia Romagna e gli altri enti competenti di trovare strategie per risolvere il problema di mancanza e carenza nei collegamenti stradali, autostradali, ferroviari e aeroportuali

"Senza collegamenti adeguati non c’è turismo. È ora di investire su infrastrutture stradali, aeree e ferroviarie". Confcommercio Ascom Cervia chiede alla Regione Emilia Romagna e gli altri enti competenti di trovare strategie per risolvere il problema di mancanza e carenza nei collegamenti stradali, autostradali, ferroviari e aeroportuali.

"Il rilancio turistico della costa è legato inevitabilmente alla qualità delle infrastrutture ed è questa voce che la Regione dovrebbe mettere in agenda come priorità - spiega Confcommercio Ascom Cervia - Una località non potrà mai diventare un bacino turistico serio se non è nelle condizioni di offrire gli ospiti collegamenti semplici e fruibili. È un dato ormai incontrovertibile: il turista di oggi non vuole perdere tempo con spostamenti incerti, sistemi farraginosi di consultazione di tabelle orarie, collegamenti con stazioni e aeroporti saltuari, strade secondarie e sconnesse. Se non si mette mano a questo sistema infrastrutturale, la nostra regione rischia di perdere identità e vocazione turistica in modo irrimediabile. Lunga la costa e dal mare all’entroterra è necessario potersi muovere in modo adeguato, innovativo e facile. La metropolitana di superficie potrebbe essere una delle soluzioni, ma la stessa dovrà avere alcune caratteristiche: frequenza, numerose fermate in ogni punto di interesse e vicinanza con i centri da raggiungere. Il nostro aeroporto di riferimento resta quello di Bologna che, tuttavia, ha un bacino di viaggiatori che lo rendono sovraccarico e in costante overbooking. Servono strategie e sostegni per i vicini aeroporti di Rimini e Forlì che fungano da seconde piste. Ma questo non basta. Dall’aeroporto vanno creati collegamenti per raggiungere le destinazioni prescelte. La destinazione Romagna, se vuole ambire a essere tale nel concreto, ha bisogno di mezzi moderni di spostamento perché quelli tradizionali - come autobus o navette - non sono in grado, da soli, di supplire alle nuove esigenze".

"Per la ferrovia gli interventi sono indispensabili - continuano - Dal punto di vista strategico la stazione ferroviaria di Cesena è il nostro riferimento: sia perché sostiene l’alta velocità sia per le numerose e frequenti partenze con le città limitrofe. Cesena è importante allo stesso modo anche per l’uscita autostradale utilizzata dalla maggior parte dei turisti che intendono raggiungere la nostra zona. Attualmente la strada che ci collega a Cesena non è adeguata a sopportare il carico di traffico che la attraversa. Servono piani di intervento che sostengano un ammodernamento di questo collegamento, a beneficio non solo di Cervia ma anche di altri comuni che vivono in buona parte di turismo come Cesenatico. Stesso discorso per la E55 (Orte-Mestre) che rappresenterebbe una arteria per i collegamenti con il nord-est e l'Europa. La obsoleta Romea oggi non soddisfa il bisogno di recepire il mercato estero e va rimessa in cantiere la costruzione del tracciato Ravenna-Mestre. Un intervento fondamentale per garantire competitività in tema di ricezione di quei flussi turistici - storicamente punto di riferimento per la nostra località. Il principio è uno: sono importanti i collegamenti aerei quanto quelli via terra se vogliamo intercettare flussi turistici e rendere il mercato La competitività con altre località nazionali e internazionali passa, in definitiva, da un sistema complesso ed efficiente di reti di trasporto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo sempre disponibili per un confronto costruttivo con la Regione Emilia-Romagna e gli enti competenti su queste tematiche - conclude il presidente Nazario Fantini - Interventi alle infrastrutture, realizzazione di collegamenti dinamici e risposte alle esigenze delle categorie che operano nel mondo del turismo sono, per noi, punti strategici da affrontare nei prossimi anni. Riteniamo indispensabile, infine, intraprendere un dialogo con i comuni vicini per avviare percorsi condivisi a beneficio di tutte le località di costa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento