In estate sulle tavole poche albicocche e susine. La fragola spagnola 'batte' quella italiana

Campagna fragole così così. Albicocche e susine in calo. Previsioni cautamente positive per pesche e nettarine. Giancarlo Minguzzi, presidente della OP Minguzzi Spa di Alfonsine e presidente di Fruitimprese Emilia-Romagna

Campagna fragole così così. Albicocche e susine in calo. Previsioni cautamente positive per pesche e nettarine. Giancarlo Minguzzi, presidente della OP Minguzzi Spa di Alfonsine e presidente di Fruitimprese Emilia-Romagna (l’associazione che riunisce le imprese private regionali dell’ortofrutta, che lavorano un milione di tonnellate di prodotto all’anno, per 700 milioni di fatturato e il 60% di export), commenta l’avvio della campagna della frutta estiva 2013 condizionata da uno sfavorevole andamento climatico al Nord con precipitazioni eccezionali nella seconda metà di maggio (il 25% in più) e temperature più basse di oltre 3 gradi rispetto alla media degli ultimi anni.

La campagna fragole ormai al suo epilogo ha registrato più momenti negativi che positivi a causa della sovrapproduzione della Spagna. “I pochi momenti positivi li abbiamo registrati con la produzione di alta qualità, altrimenti non si sono coperti i costi - spiega Minguzzi -. Le produzioni di albicocche, le cui raccolte sono già iniziate al Sud, saranno di scarsa quantità, stessa cosa in Spagna, quindi i prezzi dovrebbero essere buoni e remunerativi, almeno per quei produttori che avranno almeno un 50% di produzione. Anche le produzioni di susine dovrebbero essere inferiori alle richieste anche in considerazione del fatto che la Spagna sarà parecchio deficitaria, causa maltempo, quindi ci attendiamo buoni prezzi".

Il presidente di Fruitimprese continua l'analisi: “La campagna di pesche e nettarine - le cui raccolte sono iniziate al Sud – al momento fa registrare raccolte di quantità poco inferiori alle previsioni di qualche settimana fa e se non ci saranno troppe sovrapposizioni con i prodotti spagnoli ipotizziamo una campagna migliore di quella passata, in particolar modo per quelle di qualità superiore. Fra l'altro il calibro sarà superiore allo scorso anno grazie alle piogge primaverili. Certo molto dipenderà dal ritorno del bel tempo. Se ci sarà caldo in tutta Europa si può sperare in un mercato positivo”.

In sintesi Minguzzi conferma "un deciso calo produttivo per albicocche e susine causato da un generalizzato andamento climatico sfavorevole. A livello di trend generali le superfici della frutta estiva calano al Nord per via dei continui espianti di varietà obsolete non accompagnati da nuovi investimenti. Al contrario al Sud gli investimenti sono in leggera ripresa, in particolare per fragole e albicocche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

Torna su
RavennaToday è in caricamento