A Cervia, le meraviglie della miniera di sale di Wieliczka

Per dare una idea e creare un confronto fra la produzione del sale marino e l’estrazione del sale in miniera MUSA, Museo del sale di Cervia, ospita dal 21 ottobre al 26 novembre suggestive immagini fotografiche della miniera di sale di Wieliczka, a Cracovia in Polonia. La mostra è curata dall’Associazione di promozione sociale “Polonia” operante in Romagna ed elaborata dalla miniera stessa con il patrocinio del Consolato Generale di Polonia a Milano. Si tratta di una mostra itinerante esposta in vari luoghi d’Italia grazie al lavoro di associazioni polacche presenti sul territorio nazionale e alla collaborazione di istituzioni italiane, come in questo caso di MUSA, il museo del sale di Cervia. L’esposizione è composta da pannelli fotografici di cm 70 x 100 che illustrano fascino e incanto dei saloni della miniera dove la bellezza naturale degli ambienti si fonde con l’opera dell’uomo per offrire ai visitatori luoghi dal fascino unico e indimenticabile.

La miniera di sale di Wieliczka è dal 1978 patrimonio mondiale dell’umanità. Testimonianza della attività estrattiva del passato, la miniera nel 1994 è diventata un monumento storico ed accoglie ogni anno milioni di visitatori. Qui oggi si svolgono attività culturali, feste, concerti, conferenze, laboratori e persino matrimoni. Il percorso turistico è di circa 3 km ma la miniera, che si è riconvertita ed è comunque viva fin dal Medioevo, si sviluppa in realtà in 300 km di gallerie, su nove livelli, da 64 a 327 m di profondità e conta 3000 camere comunicanti. Una parte di questi luoghi, sono stati convertiti in spa, terme che sfruttano le proprietà benefiche del sale in cui ci si può operare una vera e propria full immersion a 135 m di profondità.

Le camere mostrano i segni della passata attività estrattiva, ospitano rare collezioni di macchinari e attrezzature utilizzate in passato nel settore minerario, ma accolgono anche aggregazioni calcaree naturali quali stalagmiti, stalattiti, “cavolfiori”, “i capelli d’angelo” e un arredo particolare che valorizza i luoghi. Numerosi personaggi del mondo della cultura hanno visitato la miniera come Goethe, Copernico e Chopin, le cui musiche ancora oggi vengono interpretate in alcuni spettacoli in miniera. Laghi, sculture installazioni fanno parte di questa città sotterranea che offre anche ristoranti, aree relax, fino a zone di culto fra cui anche delle vere e proprie chiese in cui si celebrano matrimoni. Un esempio la “Cappella di Santa Kinga” che si trova a 101m di profondità.

La mostra è visitabile sabato domenica e festivi dalle 15.00 alle 19.00

Per info : http://minierasalecracovia.it/

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Genio e ricerca: in mostra i mosaici di Chuck Close

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna

I più visti

  • Sogni e visioni a Natale: le spettacolari videoproiezioni di "Ravenna in Luce"

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar, San Vitale e Battistero degli Ariani
  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Sculture di luci, Paolo Cevoli e alberi di Natale: grandi emozioni per l'Immacolata

    • Gratis
    • dal 7 al 8 dicembre 2019
    • Sedi varie: Cervia, Milano Marittima
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento