Al cinema Gulliver arriva "Strane straniere"

Giovedì 18 maggio, alle ore 21, la Casa delle donne di Ravenna, in collaborazione con il Comune di Ravenna, Arci, InconTra Donna di Alfonsine e il Festival delle culture, presenta al Cinema Gulliver "Strane Straniere", un film di Elisa Amoruso, che da marzo sta raccontando nelle sale italiane le storie di Ana, Ljuba, Radi, Sihem e Sonia. Le cinque protagoniste sono arrivate in Italia da Paesi diversi. Molti sono i motivi che le hanno spinte a lasciare le loro radici: l’amore, il lavoro, la curiosità o forse il destino. Ognuna è riuscita a dar vita a un’attività propria, reinventandosi e integrandosi con successo in una nuova realtà. Distanti per esperienza e provenienza, le accomuna l’essere straniere. Tra lavoro, famiglia e relazioni, le loro storie s’intrecciano per raccontare che cosa significhi costruire un’identità in un altro Paese.

Il film documentario cerca uno sguardo che scombini stereotipi e muova emozioni, per restituire immagini di migrazione inattese da quelle usuali.
A seguire, intervengono alcune donne che vivono e lavorano nel nostro territorio; raccontano la loro esperienza di straniere e il loro impegno quotidiano nel costruire la loro vita e le loro attività in Italia.

Ingresso: 5 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Sogni e visioni a Natale: le spettacolari videoproiezioni di "Ravenna in Luce"

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar, San Vitale e Battistero degli Ariani
  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Una serata naturista con sauna, bagno turco e docce emozionali

    • 15 dicembre 2019
    • centro Driadi
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento