L'Antico Porto, la Cripta e i Giardini pensili, il Museo Tamo: com'è ricca la primavera di RavennAntica

L’Antico Porto, nel primo anno della sua apertura primaverile, sta registrando numerose prenotazioni da parte di scolaresche e gruppi archeologici attratti da uno dei più importanti scali portuali del mondo romano e bizantino, sviluppato in prossimità della grande Basilica di Sant’Apollinare in Classe.

Il parco desta grande attenzione e curiosità anche nei ravennati e turisti delle località balneari che, nelle calde serate estive, potranno godersi gli scorci antichi e le splendide vedute dal tramonto fino a tarda sera, perchè la particolarità del sito archeologico, in estate, sarà infatti quella di essere visitabile quando tutti gli altri monumenti della città chiudono i battenti.

          Tra le novità di quest’anno, si segnala che sabato 23 e 30 aprile e sabato 7 e 14 maggio, alle ore 16, sono in programma gli Appuntamenti di primavera all’Antico Porto per grandi e piccini! L’iniziativa prevede una visita guidata per adulti e un laboratorio didattico per bimbi da 6 a 11 anni con, a seguire, merenda per i più piccoli e aperitivo per i grandi, in collaborazione con Hotel Ristorante Classensis.

          Dal 27 giugno al 12 agosto, la rassegna L’Antico Porto al chiaro di Luna, che prevede aperture serali (a partire dal 6 giugno), proporrà un variegato programma di eventi rivolto a tutte le fasce di visitatori: visite guidate, conversazioni, degustazioni, musica e laboratori ludico-didattici per famiglie con bambini. 

Novità dell'edizione 2016 sono due kermesse a tema storico-archeologico inedite per la città di Ravenna: la Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Ravenna - Premio “O. Fioravanti”, organizzata da RavennAntica in collaborazione con Archeologia Viva e Rassegna del Cinema archeologico di Rovereto (dal 27 al 30 giugno) e il Cantalastoria Festival il 20 e 21 luglio sul romanzo storico d'autore, in collaborazione con la giornalista e divulgatrice Cinzia Dal Maso ed Archeostorie, che prevede incontri con gli autori, laboratori di scrittura e animazioni a tema. 

          Ci saranno inoltre collaborazioni ed iniziative realizzate con Cristina Rocca, Trail Romagna, l’Associazione Cantieri e il Gruppo Ravennate Archeologico (G.R.A.) ed anche un appuntamento prestigioso con il Ravenna Festival.
Confermate anche le visite guidate serali delle ore 19 e delle ore 21.

Il Museo Tamo, che ospiterà fino al 6 gennaio 2017 la mostra fotografica S.I.R.I.A., conferma la propria vocazione didattica, proponendo durante il periodo primaverile la fortunata rassegna Tamo for Kids, ricca di attività laboratoriali rivolte al pubblico dei più piccoli. Con una novità: tutte le domeniche, dal 13 marzo al 24 aprile, si svolgerà Caccia all’indizio, una divertente visita guidata all’interno del Museo. I mosaici forniranno gli indizi per completare il percorso di visita, utilizzando capacità di osservazione, memoria e spirito di squadra.

          Non mancheranno le presentazioni di libri: giovedì 14 aprile Saturno Carnoli e Guido Pasi presenteranno Il nero e il rosso: due tessere nella storia di Ravenna in compagnia di Guido Ceroni e Paolo Racagni; giovedì 28 aprile sarà invece protagonista Andrea Augenti con Archeologia dell’Italia Medievale.

          Infine, nel mese di maggio, tutti i mercoledì, tornano i Tamo MalfAttori con letture che spazieranno da Dante alla street art. 

Riapertura primaverile anche per la Cripta Rasponi e i Giardini Pensili del Palazzo della Provincia:  sarà nuovamente possibile ammirare la splendida cripta, decorata con mosaici policromi a motivi ornamentali e con figure di animali, databili alla metà del VI secolo e provenienti dalla chiesa di San Severo, a Classe. Con l’arrivo delle calde giornate primaverili i turisti potranno tornare a passeggiare nei suggestivi giardini pensili che si affacciano su Piazza San Francesco e dallo splendido terrazzo godere della vista sulla zona dantesca. La Cripta e i Giardini pensili ospiteranno l’iniziativa I Giardini di Maggio.

          Da segnalare, infine, un’importante anticipazione della prossima apertura del Museo di Classe.

Il Mosaico dei Pugili, databile tra il I sec. a. C. e il I sec. d. C. e rinvenuto nell’area meridionale dello scavo che ha portato alla luce la Domus dei Tappeti di Pietra, è stato selezionato da Banca Intesa Sanpaolo per il progetto Restituzioni, volto al recupero, al restauro e alla valorizzazione del patrimonio storico-artistico italiano. Restaurato dal Laboratorio di Restauro del Mosaico di RavennAntica, il mosaico sarà presentato al pubblico il 31 marzo a Milano, presso le Gallerie d’Italia, sede della mostra Restituzioni 2016. 
Nel mese di ottobre, a progetto concluso, il Mosaico dei Pugili sarà al centro di un evento realizzato a Ravenna, con Carlo Bertelli, in vista dell’esposizione al Museo di Classe.

Informazioni: www.ravennantica.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La ceramica secondo Miquel Barceló: un'antologica dedicata all'artista spagnolo

    • Gratis
    • dal 1 giugno al 6 ottobre 2019
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Un misterioso manoscritto per i 250 anni di Napoleone

    • Gratis
    • dal 23 agosto al 30 settembre 2019
    • Palazzo Trisi

I più visti

  • Spettacoli e contest alla prima Ravenna Tattoo Convention

    • dal 20 al 22 settembre 2019
    • Pala De Andrè
  • A Villa Inferno torna per il sesto anno il grande raduno degli Zen Circus

    • Gratis
    • 21 settembre 2019
    • Bike Bar Cinetico a Montaletto
  • Torna la “Sagra de Caplet”: cappelletti tradizionali, da passeggio e le novità gourmet

    • Gratis
    • dal 20 al 23 settembre 2019
    • Porto Fuori
  • Grandi artisti al Mei 2019: concerti e premi con Morgan, Negrita e Marlene Kuntz

    • Gratis
    • dal 4 al 6 ottobre 2019
    • sedi varie - vedi programma
Torna su
RavennaToday è in caricamento