Faenza: alla scoperta del monumentale palazzo Naldi-Ghetti

Il prossimo itinerario delle visite guidate autunnali della Pro Loco Faenza - sabato 18 novembre, alle ore 14.30 - guida i partecipanti alla scoperta di uno degli immobili più belli del centro cittadino, il monumentale palazzo Naldi-Ghetti in corso Matteotti.
L'edificio, settecentesco, è stato oggetto di diversi passaggi di proprietà e questo spiega perché in ambito faentino sia noto anche con le denominazioni Ginnasi e Ghetti.

Il grandioso ciclo decorativo interno è opera di Felice Giani (1802), coadiuvato dai suoi collaboratori Gaetano Bertolani e Antonio Trentanove, nonché, per l'esecuzione dei monocromi, da Marcantonio Trefogli.
I soggetti figurativi si ispirano alla classicità e alla mitologia, con una varietà sorprendente di impaginazioni e con una particolare vivacità cromatica.
La visita di sabato è resa possibile grazie alla disponibilità e alla cortesia dei proprietari.

Ritrovo per tutti i partecipanti alle ore 14.30 davanti alla sede della Pro Loco, nel Voltone della Molinella. Prenotazione obbligatoria. 
Per partecipare è richiesto un contributo di 2 euro che sarà destinato a fini culturali per la città.
Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla Pro Loco Faenza (Voltone Molinella 2 – tel. 0546 25231; e-mail: info@prolocofaenza.it - sito web: www.prolocofaenza.it).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • Dal palco di Sanremo a quello del Bronson: Bugo in concerto

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Musica, mercatini e piatti della tradizione alla Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 1 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento