Alla scoperta del terremoto: riparte "Come rendere giocoso il museo"

Dopo la pausa per le festività natalizie riparte il progetto "Come rendere giocoso il museo", promosso dall'Osservatorio sismologico Raffaele Bendandi e rivolto ai bambini da 3 a 12 anni. Domenica prossima, dalle 10 alle 12, alla Casa Museo Bendandi, in via Manara 17, è programmato un laboratorio dal titolo "Giocando al terremoto (come costruire un'area di accoglienza...)". Il terremoto, cause, conseguenze e interventi nell'emergenza saranno spiegati ai bambini da Paola Lagorio, presidente dell'Osservatorio Bendandi, e Rolando Giovannini, geologo e componente del consiglio direttivo dell'istituzione. I giovani partecipanti saranno invitati a costruire una casa con materiali diversi (lego, legnetti, bastoncini), sarà quindi simulato un terremoto per vedere quali case reggono e quali no, interrogandosi sui perchè di queste differenze. I bambini affronteranno, infine, l'emergenza post terremoto, creando con strutture in miniatura di legno un campo di accoglienza per la gente.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • In libreria arriva "Guidarello il pipistrello"

    • Gratis
    • 9 marzo 2020
    • Libreria Moby Dick
  • Una visita fra massoneria e fantasmi

    • 28 febbraio 2020
    • Villa La Rotonda (Laderchi)
  • Jonathan Bazzi presenta "Febbre"

    • solo domani
    • Gratis
    • 26 febbraio 2020
    • Biblioteca Classense

I più visti

  • Dal palco di Sanremo a quello del Bronson: Bugo in concerto

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Musica, mercatini e piatti della tradizione alla Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 1 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento