La storia e i tesori del Duomo di Faenza

Le visite guidate autunnali della Pro Loco propongono, sabato 28 ottobre, un itinerario alla scoperta del Duomo di Faenza e dei suoi tesori.

La Cattedrale, con l’avvento al potere di Carlo II Manfredi e del vescovo Federico, è frutto della politica urbanistica manfrediana rivolta a progetti di grande respiro e di elevatissimo costo economico, canto del cigno  della piccola Signoria.
La costruzione della nuova Cattedrale (per Faenza la terza) è indubbiamente l’espressione più esaltante di tale politica, ma non ne costituisce un fatto isolato.

Il programma della sua ricostruzione, sulle fondazioni dell’antica San Pietro, fu concepito dal vescovo Federico quale polo di rinnovamento urbano. 
Architetto Giuliano da Maiano (1432-1490), maestro formatosi nell’ambito della prima divulgazione fiorentina brunelleschiana.
Il modulo quadrato presiede come misura base, non solo alla pianta, ma anche all’alzato.
Gli interventi plurisecolari nelle cappelle, che hanno profondamente modificato il contenuto luministico del meraviglioso edificio sacro, permettono una lettura del mutarsi del gusto artistico nel corso dei secoli.

Ritrovo per tutti i partecipanti alla visita guidata alle ore 15.00, presso la sede della Pro Loco, nel Voltone della Molinella. Prenotazione obbligatoria. E’ richiesto un contributo di 2 euro, che sarà destinato per i fini culturali della città.
Per informazioni e prenotazioni: Pro Loco Faenza (Voltone Molinella 2  – tel. 0546 25231; e-mail: info@prolocofaenza.it - sito web: www.prolocofaenza.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • Dal palco di Sanremo a quello del Bronson: Bugo in concerto

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Musica, mercatini e piatti della tradizione alla Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 1 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento