Anche il maestro Muti all'intitolazione del ridotto a Ebe Stignani

  • Dove
    ridotto del Teatro Goldoni
    Indirizzo non disponibile
    Bagnacavallo
  • Quando
    Dal 18/05/2019 al 18/05/2019
    20.30
  • Prezzo
    15 euro; loggione 10 euro
  • Altre Informazioni

Sabato 18 maggio la sala principale del Ridotto del Teatro Goldoni di Bagnacavallo viene intitolata alla cantante lirica Ebe Stignani. La cerimonia di intitolazione, che si tiene presso il Ridotto alle 20.30, viene seguita alle 21 da un concerto lirico al Teatro Goldoni.  La serata, organizzata da Comune e Pro Loco, prevede la partecipazione straordinaria del maestro Riccardo Muti.

La serata prende il via con l’apposizione di una targa a corredo del medaglione in bronzo raffigurante il volto di Ebe Stignani, opera della Picchiani e Barlacchi di Firenze. Il medaglione, appositamente realizzato per il Ridotto del Teatro Goldoni, è stato collocato nella sala principale sin dall’apertura dopo il restauro, avvenuta il 7 aprile. Questo il testo che si leggerà nella targa: «Ebe Stignani, mezzosoprano (Napoli 1903 - Imola 1974). Di genitori bagnacavallesi, ha scelto di riposare nella terra dei suoi avi. Ebbe il dono di una “voce d’oro”, prodigio di purezza, estensione e uniformità. A ricordo di Ebe, la città di Bagnacavallo».
Seguiranno gli interventi di rappresentanti dell’Amministrazione comunale e della Pro Loco e del maestro Riccardo Muti.

Il concerto lirico Omaggio a Ebe Stignani, diretto dal maestro Giuseppe Montanari, vedrà brani di Offenbach, Verdi, Rossini, Gounod, Delibes, Cilea, Lehàr, Puccini e Gastaldon. Ne saranno interpreti il mezzosoprano Daniela Pini, il soprano Paola Cigna e il tenore Augusto Celsi, con al pianoforte Filippo Pantieri. 

La celebre cantante lirica Ebe Stignani, nata a Napoli l’11 luglio 1903, aveva origini bagnacavallesi. I genitori, Ugo Stignani e Pasqua Moni, erano infatti di Bagnacavallo, dove Ebe Stignani ha deciso di riposare dopo la fine dei suoi giorni, nel 1974, accanto al marito Alfredo Sciti. La cantante, che ebbe un’importante carriera internazionale come mezzosoprano in particolare in America, fu per decenni ospite fissa alla Scala. A Bagnacavallo si esibì nel 1935, come attesta una lapide posta nel teatro Goldoni, con quattro recite di Mignon del compositore Ambroise Thomas, sotto la direzione del maestro Giuseppe Antonicelli. 

Ingresso:
biglietto unico 15 euro; loggione 10 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Elio racconta il suo “Uaired” al Pavaglione

    • solo domani
    • Gratis
    • 23 maggio 2019
    • Pavaglione
  • Ivano Marescotti porta in piazza i suoi "Fatti veri"

    • Gratis
    • 5 giugno 2019
    • Bar Centrale
  • Stefano Benni al Pavaglione con il reading “Dancing Paradiso”

    • Gratis
    • 25 maggio 2019
    • Pavaglione

I più visti

  • La Darsena pronta a colorarsi con la Color4Fun

    • 7 giugno 2019
    • Darsena
  • I "magnifici fallimenti" di Oliviero Toscani: 50 anni di carriera in oltre cento scatti

    • dal 13 aprile al 30 giugno 2019
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Il mestiere delle arti. Seduzione e bellezza nella contemporaneità

    • dal 16 febbraio al 26 maggio 2019
    • Museo Nazionale di Ravenna
  • Elio racconta il suo “Uaired” al Pavaglione

    • solo domani
    • Gratis
    • 23 maggio 2019
    • Pavaglione
Torna su
RavennaToday è in caricamento