Massimo Cacciari e Raphael Ebgi presentano il volume "Umanisti italiani. Pensiero e destino"

Giovedì alle 17, alla Sala Muratori della Biblioteca Classense, Massimo Cacciari, professore emerito di Filosofia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, presenterà il volume “Umanisti italiani. Pensiero e destino” (Einaudi, 2016) di cui ha redatto il saggio introduttivo. Assieme a lui, il curatore Raphael Ebgi, ricercatore presso la Freie Universität di Berlino ed esperto di filosofia dell’Umanesimo italiano. Introdurrà Alberto Giorgio Cassani, docente di Elementi di architettura e urbanistica presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Al termine della presentazione, letture di Gianfranco Tondini dal Momus di Leon Battista Alberti.

Secondo Alberto Asor Rosa («la Repubblica», 26.11.2016), l’ultimo volume della collana dei Millenni Einaudi “ricostruisce il nostro passato, rovesciandone la memoria, gettando lo sguardo più in profondità, dove le vecchie categorie servono ormai a poco o niente, prospettando la possibilità di una luce che, ripartendo dalle nostre radici, arriva a illuminare il nostro presente”.

Umanesimo come scuola di retorica, culto dei latini e dei Greci, nascita della filologia? Cacciari ci fa capire come le cose siano più complesse e meno schematiche, e come la stessa filologia umanistica vada in realtà inserita in un progetto culturale più ampio nel quale l’attenzione al passato è complementare alla riflessione sul futuro, mondano e ultramondano.

Questo corposo volume, dalla ricca struttura organizzativa, si divide in quattro parti autonome e collegate allo stesso tempo: un lungo saggio di Massimo Cacciari dal titolo Ripensare l’Umanesimo; un’originale sezione iconografica commentata, sempre a cura di Cacciari; infine, un’antologia di testi suddivisa in otto sezioni che coprono i principali nuclei tematici della ricerca umanistica, introdotte ognuna da accurati saggi storico-bibliografici: Umanesimo tragico, Vita activa. Vita contemplativa, Filologia e filosofia, Methaphysica, Teologia poetica, Hermetica, Cielo e mondo e Figura futuri.

Cacciari, nel suo saggio, effettua una riflessione densissima sul pensiero umanistico, una lettura nel nome di Dante, Petrarca, Valla, Pico, Ficino e dell’Alberti. Fra le tante questioni trattate lo strettissimo nesso filologia-filosofia; il tema del linguaggio che ci “abita”; la “potenza” dell’immagine. Una reinterpretazione storico-culturale profondamente innovativa, destinata a cambiare le opinioni comuni sull’Umanesimo e dunque su una grossa fetta della letteratura e della filosofia tra la fine del Trecento e gli inizi del Cinquecento.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Franco Lombini e Mario Tadiello presentano "Apriti Cielo"

    • solo oggi
    • Gratis
    • 20 novembre 2019
    • Nove100 Caffé
  • Si festeggiano i 30 anni della Convenzione sui diritti per l’Infanzia

    • solo oggi
    • Gratis
    • 20 novembre 2019
    • Sala D'Attorre
  • Marcello Simoni chiude GialloLuna NeroNotte con "un enigma" ambientato a Ravenna

    • Gratis
    • 22 novembre 2019
    • Sala Dantesca della Biblioteca Classense

I più visti

  • Sogni e visioni a Natale: le spettacolari videoproiezioni di "Ravenna in Luce"

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar, San Vitale e Battistero degli Ariani
  • La notte di Patti Smith: la Sacerdotessa del Rock all'Alighieri

    • 4 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Una serata con Manuel Agnelli: il frontman degli Afterhours in concerto all'Alighieri

    • 26 novembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Niccolò Fabi torna in tour e parte da Ravenna

    • 1 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento