Sorge il Monumento al Palombaro, un elogio alla mitica figura del "lavoratore del mare"

Marina di Ravenna torna a celebrare il mare e stavolta lo fa con un'opera d'arte. Sabato 15 giugno nel Piazzale Marinai d'Italia viene inaugurato il "Monumento al Palombaro", una statua alta 3,80 metri realizzata dall'associazione culturale The Historical Diving Society Italia (che nel 1998 ha realizzato il MAS-Museo Nazionale Attività Subacquee).

L'idea di realizzare il Monumento al Palombaro è nata nel 2016 per dare il dovuto riconoscimento per le sue gesta a questa mitica figura di “Lavoratore del mare”, così come lo aveva definto Victor Hugo nel 1866.

La statua, in bronzo, è opera di Alberto Muro  Pelliconi, un artista ben conosciuto da chiunque ami il mare. Il monumento poggia su una base in pietra d’Istria, decorata con un pannello in mosaico in cui sono raffigurati quattro diversi sistemi d'immersione. Sopra il basamento sorge dunque la statua del palombaro in bronzo alta oltre 2 metri e realizzata col processo della cera persa da una fonderia di Verona.

La cerimonia di inaugurazione del monumento avverrà nel tardo pomeriggio di sabato 15 giugno presso il MAS a Marina di Ravenna nel Piazzale Marinai d’Italia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Inaugurazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • La storia della Petrolifera in 47 fotografie

    • Gratis
    • dal 24 maggio al 14 giugno 2020
    • Galleria FaroArte di Marina di Ravenna
  • Un picnic itinerante in collina per godere dei sapori di stagione

    • 31 maggio 2020
    • Oriolo dei Fichi
  • La presentazione del volume "Le epidemie nella storia di Faenza"

    • Gratis
    • 28 maggio 2020
    • in diretta Facebook
  • Aperitivi letterari: Nicoletta Ciani presenta il suo romanzo d’esordio "L’avvocato Piero Stabile"

    • Gratis
    • 27 maggio 2020
    • pagina Facebook della biblioteca comunale “Fabrizio Trisi”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento