Con la bici si rafforza il legame con l'Expo, "Peda Rando...con Gusto" fa tappa a Lugo

In questo percorso, lungo 1616 chilometri e con un dislivello da coprire di 15.978 metri, i ciclisti faranno tappa a Lugo venerdì mattina (intorno alle 10,30), dove in Piazza dei Martiri riceveranno l'omaggio di un prodotto locale, i famosi capperi della Rocca

Lugo e Expo di nuovo legate grazie al ciclismo. Da venerdì a domenica un gruppo di ciclisti, con partenza e arrivo a Nerviano, comune del milanese, parteciperà alla Manifestazione “Peda Rando...con Gusto” che, in onore di Expo e con il suo patrocinio, si propone di mettere in evidenza  l'importanza della Mobilità Dolce e il tema Gusto, per valorizzare anche in questo modo i paesaggi e le specialità gastronomiche del nostro Paese. Le peculiarità raccolte lungo il percorso, che attraverserà sette regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Liguria e Piemonte) saranno infatti esposte negli spazi di Expo.

In questo percorso, lungo 1616 chilometri e con un dislivello da coprire di 15.978 metri, i ciclisti faranno tappa a Lugo venerdì mattina (intorno alle 10,30), dove in Piazza dei Martiri riceveranno l'omaggio di un prodotto locale, i famosi capperi della Rocca, che verrà poi esposto all'Expo milanese nel Padiglione Italia. Questa sosta nella nostra città avviene in quanto la Manifestazione di quest'anno anticipa il percorso della “1001 Miglia Italia”, la più importante manifestazione ciclistica riservata ai randonneurs che si svolgerà dal 16 al 22 agosto prossimi, e che vedrà Lugo come sede di tappa (arrivo 4° tappa e partenza della 5°).

La precedente edizione di questa manifestazione che l'ha consacrata a livello mondiale, ha visto la presenza di 26 Nazioni in rappresentanza di 5 continenti, non sfugge quindi a nessuno l'importanza di essere riusciti a inserire Lugo come sede di tappa in quanto questa può essere una ulteriore occasione per valorizzare e far conoscere Lugo, il territorio della Bassa Romagna e le eccellenze enogastronomiche che può offrire. Tra l'altro, il percorso della 1001 Miglia Italia, che è sostenuto dalle associazioni A.R.I. (Audax Randonneur Italia) e Co.Mo.Do. (Confederazione Mobilità Dolce), si propone per essere riconosciuto istituzionalmente come itinerario nazionale di mobilità dolce, rendendolo così permanente con una sua segnaletica e cartografia e con servizi dedicati specificatamente al cicloturismo per renderla così fruibile a diverse categorie di utenza, quali i cicloturisti occasionali che possono percorrerla in più tappe.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento