Marina di Ravenna "imbiancata" dalla neve chimica: ecco che cos'è

Oltre al magico effetto galaverna, che ha allietato il risveglio di molti abitanti della provincia, a sorprendere i residenti di Marina di Ravenna ci ha pensato anche la "neve chimica"

Oltre al magico effetto galaverna, che ha allietato il risveglio di molti abitanti della provincia - in particolar modo nel lughese - a sorprendere i residenti di Marina di Ravenna ci ha pensato anche la "neve chimica".

La "neve chimica" è un fenomeno atmosferico che si verifica solo in presenza di alti tassi d’umidità, temperature inferiori allo zero e nei pressi di presidi industriali che emettono nell'aria polveri sottili come ossido di carbonio, biossido d’azoto, biossido di zolfo o pm10. Le goccioline d’acqua sospese in atmosfera, all’interno della nebbia, tendono a legarsi alle particelle emesse dalle industrie che fungono da nuclei di condensazione, formando veri e propri fiocchi di neve che poi precipitano al suolo e imbiancano il paesaggio.

Gelido risveglio: la nebbia regala la magia dell'effetto galaverna

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

  • Picco di enterococchi in mare: scatta il divieto di balneazione

Torna su
RavennaToday è in caricamento