L'Artico riporta l'inverno sulla Romagna: e la neve imbiancherà le colline

Il netto cambio di circolazione atmosferica sarà preceduta da un fronte freddo, che si manifesterà nella serata di sabato con temporali sparsi e forti raffiche di vento

Si sta mettendo in moto dall'Artico una massa d'aria fredda che domenica riporterà l'inverno sulla Romagna con brusco calo delle temperature, pioggia e neve a quote basse per il periodo. Il netto cambio di circolazione atmosferica sarà preceduta da un fronte freddo, che si manifesterà nella serata di sabato con temporali sparsi e forti raffiche di vento. Domenica si annuncia perturbata, con la colonnina di mercurio che farà registrare valori tipicamente invernali e piogge che si trasformeranno in neve oltre i 600 metri. Le temperature subiranno quindi una marcata diminuzione: le massime scenderanno di circa 15°C, con valori che in pianura faticheranno a superare i 10°C. La depressione da lunedì tenderà rapidamente a spostarsi verso il settore Balcanico determinando un miglioramento con tendenza a schiarite e temperature in risalita.

Portando indietro l'orologio, non sono così rari i repentini ritorni di freddo nella prima parte di maggio anche in Italia. Spiega il tecnico meteorologo di Emilia Romagna Meteo Pierluigi Randi: "Da quando vengono effettuati i radiosondaggi a S.P. Capofiume (Bologna), ovvero dal 1989, solo in una circostanza la temperatura ad 850 hPa scese al di sotto dello zero: accadde il 16 maggio 1991 con un valore di -0,1°C. Un ricorso potrebbe essere rappresentato dal 7-8 maggio 1957, anche se con dinamiche leggermente diverse, allorquando il giorno 8 si ebbero brinate sulla pianura ravennate. Il record assoluto appartiene al 3 maggio 1935 con un dato di -0,9°C".

Randi aggiorna sulla situazione prevista nel weekend: "La corsa operazionale 00z del modello europeo Ecmwf mostra una temperatura prevista di -4°C sul piano isobarico di 850 hPa (circa 1500 metri di quota) su Emilia centrale, convogliata da Nord-NordEst grazie anche alla chiusura di un minimo di geopotenziale a quella quota su riminese che evolverà verso SudEst. Si tratta in ogni caso di un valore tipicamente invernale". La giornata più perturbata sarà quella di domenica, con piogge in pianura e nevicate oltre i 600 metri, abbondanti sul crinale.

In attesa dell'arrivo del freddo, da giovedì sera è prevista un'intensificazione della ventilazione sui rilievi. La Protezione Civile dell'Emilia, attraverso un'allerta "gialla" anche per l'entroterra ravennate, specifica che "fino alle prime ore della mattina di venerdì si prevede un'intensificazione deI venti sull'area appenninica centro-occidentale (da 62 a 74 km/h), con raffiche associate (oltre i 90 km/h). Nella giornata di venerdì sono inoltre previsti brevi rovesci sui rilievi e sulle aree di pianura del settore centro-occidentale, fenomeni non significativi ai fini dell'emissione di un'allerta". 

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

I più letti della settimana

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Un altro morto nel drammatico incidente di via Bastia: tragico bilancio

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento