Meteo, altro che bianco Natale: la neve il 25 dicembre è molto rara dal 1946

Dopo la neve caduta tra il 16 ed il 17 dicembre, sono subentrate correnti miti in quota

E' un bianco Natale. Non quello che si sogna con la neve, ma quello condizionato dalla nebbia e dall'umidità. "Dalle statistiche in possesso dell'Osservatorio "Torricelli" emerge che dal 1946 ad oggi la "dama bianca" preferisce visitarci prima o dopo il Santo Natale, ma quasi mai nel periodo 22-25 dicembre - spiega Roberto Gentilini, appassionato di meteorologia e membro del gruppo Facebook "MeteoFaenza "Osservatorio Meteo Torricelli" -. L'unica notte di Natale baciata dalla neve a Faenza si registrò nel 1963, mentre nel 1990 alcuni fiocchi bianchi ci interessarono nella mattina di Natale. Addirittura dal 2002 ad oggi i giorni statisticamente più caldi della seconda parte di dicembre sono proprio Natale e San Stefano".

Il film si è ripetuto anche quest'anno. Dopo la neve caduta tra il 16 ed il 17 dicembre, sono subentrate correnti miti in quota. La bianca nell'entroterra è stata completamente cancellata dalle temperature anomale che si sono spinte oltre i 15°C, mentre in pianura sono prevalse nebbie e temperature basse per l'inversione termica. Anche nei prossimi giorni il film meteorologico non cambierà il suo pallinsesto: il cielo sarà sereno o poco nuvoloso sui rilievi, mentre nubi basse con foschie dense e nebbia prevaranno sulle zone di pianura, solo in parziale diradamento durante le ore centrali della giornata. Le temperature non subiranno particolari variazioni di rilievo: minime comprese tra -1 e 3 gradi, massime attorno a 5 gradi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i giorni a seguire, spiega l'osservatorio meteorologico dell'Arpae, "flussi settentrionali associati ad un promontorio anticiclonico presente tra l'Atlantico e l'Europa occidentale manterranno condizioni di tempo stabile per tutto il periodo, con transito di nuvolosità tra venerdì e sabato e cielo più sereno successivamente. Le temperature tenderanno a calare leggermente verso la fine dell'anno, in particolare nei valori minimi con possibilità di gelate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La schianto è impressionante e non lascia scampo ad un 53enne: ennesima tragedia sulle strade

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • Sciagura sul lavoro: perde la vita un operaio di 38 anni

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
RavennaToday è in caricamento