"30mila euro l'anno a chi fa almeno tre figli": la proposta del Popolo della Famiglia

A parlare è Mirko De Carli, coordinatore alta Italia del Popolo della Famiglia, che chiede l'istituzione di un “Piano nazionale per la famiglia”

"Finita la campagna elettorale delle europee scompaiono rapidamente dall’agenda politica del governo gli impegni presi con le famiglie italiane: dalla riduzione fiscale passando per azioni a sostegno della natalità, tutte promesse che rimangono ascritte all’album delle “foto da repertorio” per ottenere qualche prima pagina di giornale".

A parlare è Mirko De Carli, coordinatore alta Italia del Popolo della Famiglia, che chiede l'istituzione di un “Piano nazionale per la famiglia”: "L'emergenza natalità è il tumore che affligge il nostro paese e il nostro continente e va combattuta ponendo al centro dell’azione di governo una serie di misure shock in grado di creare le condizioni economiche, sociali e culturali affinché torni al primo posto della scala valoriale delle generazioni più giovani il “fare famiglia” e “fare figli” - spiega De Carli - Come? Passando dalle parole ai fatti con otto semplici e pratiche mosse, da affiancare al già rivoluzionario “reddito di maternità”: un assegno annuale di oltre 30mila euro per le famiglie numerose (dai 3 figli in poi), comprensiva esenzione a vita dall'Irpef per le mamme con più di 4 figli; esenzione totale e a vita dal pagamento dell’Irpef per tutte le donne che partoriscano e si prendano cura di almeno 4 figli; un prestito a interessi ridotti di almeno 30.000 euro per le donne under-40 che si sposano per la prima volta (un terzo del debito verrà estinto alla nascita del secondo figlio, gli interessi verranno cancellati alla nascita del terzogenito); un piano di prestiti a interessi e garanzie di “bancabilità” agevolate e tutelate per famiglie con almeno un bambino per permettere loro di comprare casa; un assegno di 3.000 euro dopo la nascita del secondogenito come aiuto per il mutuo e, dopo il terzo bambino, di 12.000 euro. Ogni nuovo arrivato in famiglia permetterà alla famiglia di ricevere un assegno di oltre 3mila euro; il congedo parentale per i nonni fino al terzo compleanno dei nipoti; l’estensione della rete di asili (in pieno regime di libertà scolastica) favorendo il riconoscimento giuridico nazionale delle cosiddette “scuole parentali”; un sussidio di almeno 7.000 euro per l'acquisto di una macchina da sette posti per le famiglie numerose".

Utopia? Assolutamente no per De Carli: "Già il governo ungherese (dopo una partecipata e fruttuosa consultazione popolare) ha messo in atto un piano simile con ottimi risultati in termini di crescita del Pil e di inversione di rotta della bilancia demografica. La regola aurea per ogni economia che voglia ritornare a prosperare e per ogni paese che voglia rimettere in condizione di “sperare” il suo popolo è una e una soltanto: tornare a mettere al mondo figli. Come? Ripartendo da nuovi nuclei familiari stabili che nascono. Non mi nascondo dietro un dito: l’obiettivo è ambizioso ma scorporando dal rapporto deficit\Pil i cosiddetti “investimenti produttivi” potremo davvero mettere in pratica il più grande e ambizioso “piano nazionale per la famiglia” che l’Occidente abbia mai attuato (inizialmente basterebbe reperire le risorse da riforme dannose come il reddito di cittadinanza e quota cento). È ora di dire basta alle misure tampone o alle briciole sotto al tavolo: servono soldi veri e meno tasse per le famiglie italiane che non arrivano a fine mese o non riescono nemmeno a nascere. Qui si gioca il nostro futuro e quello dei nostri figli".

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Trapianto di cornea a Ravenna: numeri in crescita, interventi e farmaci innovativi

I più letti della settimana

  • Trovano un portafoglio e lo consegnano ai Carabinieri: ma dentro c'era la droga

  • Tragico infortunio sul lavoro: resta incastrato nell'autolavaggio e perde un braccio

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • I Vigili del Fuoco arrivano per spegnere un piccolo incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Accoltellato di fronte alla caserma della Municipale: scene da panico in Darsena

Torna su
RavennaToday è in caricamento