A Solarolo nasce il Coordinamento antifascista: "Niente spazio a razzismo e violenza"

A meno di due mesi dall'inaugurazione della nuova sede di Forza Nuova nel paese, a Solarolo è stato costituito il Coordinamento Antifascista

A meno di due mesi dall'inaugurazione della nuova sede di Forza Nuova nel paese, a Solarolo è stato costituito il Coordinamento Antifascista, per riunire tutte le realtà territoriali (Amministrazione comunale, associazioni, forze politiche e sindacali) che si riconoscono nei valori fondanti della Costituzione della Repubblica Italiana. Vi fanno parte di diritto la locale sezione Anpi (Associazione nazionale partigiani d'Italia), il cui presidente riveste il ruolo di coordinatore, e il Comune di Solarolo, il cui sindaco, o suo delegato, riveste il ruolo di vice coordinatore. Per ora hanno aderito l'Arci, la Cgil, le Associazioni Cultunauti e Musicattivi, il Partito di Rifondazione Comunista e il Partito Democratico di Solarolo.

"Il Coordinamento nasce per dare forma e testimonianza a qualcosa che, sul territorio di Solarolo, esisteva già: lo spirito antifascista - spiega il sindaco Fabio Anconelli - Si cerca in questo modo di strutturare una rete di associazioni e di realtà che ritengono importante sostenere i principi democratici". Giovanni Rambelli, segretario della sezione Anpi di Solarolo, aggiunge: "Con questo Coordinamento chiediamo alle istituzioni e a tutte le forze democratiche di vigilare e di intervenire con ogni azione possibile per far fronte a quei movimenti come Forza Nuova, che si richiamano apertamente al periodo più buio, violento e vergognoso della nostra storia, e si fondono su elementi di violenza e razzismo, ai quali non va concesso alcuno spazio. Sono le nostre indimenticate vittime che ce lo chiedono. Ci terrei a sottolineare con forza che ciò non significa limitare la libertà di pensiero e di espressione. Significa applicare i principi di democrazia sanciti dalla nostra Costituzione antifascista. Come il presidente Sandro Pertini amava ripetere: "Il fascismo non è un'ideologia. E' un crimine"".

Nel proprio atto costitutivo, il Coordinamento "si impegna ad organizzare e promuovere iniziative pubbliche sul territorio (incontri, seminari, convegni), per coltivare gli ideali di libertà, democrazia, partecipazione, solidarietà e pace sanciti nella Costituzione. Inoltre, si impegna a supportare le Istituzioni e le associazioni che svolgono iniziative tese a valorizzare la memoria civile e i valori democratici del nostro territorio, e a mantenere vivo il ricordo del sacrificio dei solarolesi vittime delle guerre, affinché sia da monito per una comunità che ripudi la guerra e si basi sui principi della solidarietà e della fratellanza". Il Coordinamento si impegna anche "a combattere sul territorio il presentarsi di ogni forma di razzismo, di neo-fascismo, di xenofobia e di violenza, nonché a vigilare attentamente su ogni realtà che sia in qualche modo promotrice di questi disvalori. Compito fondamentale sarà quello di sostenere la solidarietà e l’inclusione sociale, e di lavorare affinché la comunità locale sia alimentata dai valori dell’uguaglianza, della pace e della convivenza civile. L’adesione al Coordinamento Antifascista di Solarolo è aperta a tutte le realtà associative territoriali che si riconoscono in queste finalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento