Bagnacavallo, Bilancio 2013: "Puntiamo alle scelte coraggiose"

E' stato presentato in Consiglio comunale il Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013, la Relazione previsionale e programmatica e il Bilancio pluriennale 2013-2015 del Comune di Bagnacavallo

E' stato presentato in Consiglio comunale il Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2013, la Relazione previsionale e programmatica e il Bilancio pluriennale 2013-2015 del Comune di Bagnacavallo. Alleggerimento della pressione fiscale sui cittadini, blocco delle tariffe dei servizi sociali ed educativi, riproposizione delle agevolazioni per l'acquisto e il recupero della prima casa e di locali da adibire ad attività commerciali e produttive, con particolare attenzione ai giovani, azioni a sostegno delle imprese e delle fasce più deboli della popolazione sono questi i punti principali

A questi importanti impegni si affianca un consistente Piano triennale degli investimenti 2013-2015 che contempla interventi per 9.648.940 euro, per sostenere la ripresa economica, le imprese e l'occupazione, rendere più efficienti i servizi, valorizzare e rendere più attraente il nostro territorio e svolgere un'adeguata manutenzione sul patrimonio pubblico. «Lo scenario in cui si collocano il Bilancio di previsione 2013 e il Piano triennale degli investimenti 2013-2015 - spiega l'assessore alle Politiche Finanziarie, Angela Rossetti - è sicuramente uno dei più complessi degli ultimi decenni, in un momento di crisi politica, economica e istituzionale. Sono tante le incertezze legate a disegni istituzionali rimasti incompiuti e incompleti, a partire dalla disciplina dell'Imu e della Tares, il nuovo tributo sui rifiuti. Non si conosce a quanto ammonteranno i tagli della spending review per il 2013 e non si conoscono i risultati del fondo di solidarietà sostitutivo del soppresso fondo sperimentale di riequilibrio.»

Il bilancio del Comune di Bagnacavallo fissa obiettivi importanti, irrinunciabili e, nell’individuazione delle priorità di spesa, congiuntamente a quello dell’Unione, ha focalizzato la propria attenzione in particolare per garantire la qualità del welfare e dei servizi erogati ai cittadini, per mantenere il sostegno alle famiglie e alle imprese continuando nella coraggiosa politica di sviluppo del territorio con investimenti rilevanti e sostenibili. Le entrate correnti previste per il 2013 ammontano a 13.729.605 euro e sono destinate a finanziare la spesa corrente di 12.218.913 euro e la quota capitale di ammortamento mutui di 1.446.692 euro. Sia l'entrata che la spesa registrano rispetto al 2012 una variazione in aumento di 2.876.000 euro riconducibili alla gestione della Tares.

Sul fronte degli investimenti, il piano triennale 2013-2015 contempla, come anticipato, interventi per 9.648.940 euro, cui 2.728.940 nel 2013, finanziati attraverso risorse proprie per 1.329.040 euro (oneri di urbanizzazione, alienazioni, proventi cimiteriali, avanzo e risorse correnti), trasferimenti dalla Regione e dalla Provincia per 642.600 euro e l'accensione di un mutuo di 757.300 euro. Nel 2013 si darà il via a un innovativo progetto di mobilità sostenibile e sicurezza di ciclisti e pedoni. L'idea che l'Amministrazione intende mettere in campo, tramite un processo partecipato dei cittadini, riguarda il tema dei collegamenti sicuri tra le località del comune e i comuni confinanti, compresa la sicurezza nell'attraversamento pedonale e ciclabile del fiume Senio verso Lugo. Si pensa a piste ciclabili sul modello di via Bruciamolina o del collegamento con Villa Prati (Naviglio).

Nel 2013, con l'intervento in centro storico, si completerà l'opera mirata a rendere più efficiente la pubblica illuminazione di tutto il comune e al contempo garantire un risparmio energetico. Per quanto riguarda l'oasi naturalistica Podere Pantaleone, riconosciuta Sito di Importanza Comunitaria nel 2006, si investirà per migliorarne ulteriormente la fruibilità al pubblico, in particolare agli studenti. L'investimento in programma per la scuola è di 120.000 euro e prevede interventi di miglioramento e ammodernamento degli edifici scolastici.

Sono in programma, inoltre, interventi di manutenzione dei giochi nei parchi. Sul versante della cultura, della formazione, della socialità, del buon vivere, i capitoli principali riguardano: il nuovo centro per le arti, la creatività e i mestieri della cultura di via Bedeschi; la ristrutturazione della Sala di Palazzo Vecchio come contenitore polifunzionale; progetti che consentano di reperire finanziamenti per valorizzare e promuovere il patrimonio storico del centro di Bagnacavallo e le risorse naturalistiche e paesaggistiche del territorio comunale; interventi di insonorizzazione acustica nella scuola di musica.

L'iter per la soppressione dei passaggi a livello nel territorio comunale di Bagnacavallo sta procedendo come previsto dal Protocollo d'intesa tra la Regione Emilia-Romagna, la Provincia di Ravenna, il Comune di Bagnacavallo e Rete Ferroviaria Italiana Spa (Rfi), approvato all'unanimità dal Consiglio comunale il 10 novembre 2011. L'ente titolare della progettazione è Rfi che ha proceduto all'indizione della gara per individuare la ditta che dovrà predisporre sia il progetto preliminare che quello definitivo del sottopasso di via Bagnoli. Prenderà il via così, a breve, la progettazione di questo intervento così importante per la viabilità, con l'obiettivo di indire la gara di appalto per l'aggiudicazione dei lavori nel 2014.

Per quanto riguarda poi l'intervento di riqualificazione urbana conseguente al concorso di progettazione urbanistica di Bagnacavallo "Polo Sud", il primo stralcio riguarderà le connessioni urbane tra Palazzo Abbondanza e il complesso di San Francesco (via dei Martiri, via Ramenghi e piazzetta di Palazzo Folicaldi). Infine va evidenziato che nel 2013 giungeranno a compimento due importanti opere: il nuovo Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova e la Sala delle Capriate a San Francesco, con uno spazio innovativo pensato per una vasta gamma di possibili attività.

«Questo bilancio - sottolinea il sindaco Laura Rossi - è stato predisposto in coerenza con i seguenti principi: agevolazioni per le fasce più deboli, attrazione di nuove imprese, sostegno agli investimenti pubblici e contenimento del ricorso a mutui. Pur consapevoli delle limitate risorse, abbiamo perseguito una politica di rilancio investendo sul futuro. Strategico è il nostro impegno per la promozione del centro storico, cuore della nostra memoria e risorsa importante per lo sviluppo sostenibile dell'intero territorio, insieme alla valorizzazione delle risorse naturalistiche. Presentiamo un bilancio all'insegna di scelte coraggiose - conclude il sindaco - perché, nonostante le grandi difficoltà che caratterizzano il nostro Paese, hanno la forza di guardare lontano, al futuro della nostra città, dell'intera Bassa Romagna, ai diritti dei cittadini e al talento dei giovani.» Il Bilancio di previsione sarà discusso e votato martedì 21 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento