Blitz di Forza Nuova per gli incontri sulle foibe dell'Anpi: "Oltraggio alle vittime"

Come segno di protesta, gli esponenti del movimento di estrema destra hanno affisso alcune locandine fuori dalle sale che ospiteranno la conferenza riportanti lo slogan "La verità non può essere infoibata"

Nuovo blitz di Forza Nuova nella notte. Venerdì 7 e sabato 8 febbraio Sandra Kersevan sarà ospite dell'Anpi a Solarolo e Ravenna, per parlare di foibe e dei tragici eventi del confine nordorientale. Come segno di protesta, gli esponenti del movimento di estrema destra hanno affisso alcune locandine fuori dalle sale che ospiteranno la conferenza riportanti lo slogan "La verità non può essere infoibata".

"Che la storia venga scritta dai vincitori è un dato di fatto, che si tenti di nascondere le nefandezze degli stessi è sopravvivenza, ma che l'Anpi si appropri anche del Giorno del Ricordo, oltraggiando la memoria di tutte le vittime del regime titino e dei suoi fedelissimi partigiani che sfogarono la loro furia assassina su migliaia di connazionali colpevoli solamente di essere italiani, è un abominio - commenta Desideria Raggi, coordinatore regionale di Forza Nuova - Il negazionismo oramai noto della Kersevan non fa altro che rimarcare come ora più che mai, dopo 50 di silenzio consapevole, si voglia continuare a infoibare la verità, quella di un profondo odio del regime comunista slavo contro il popolo italiano, che arrivò a giustificare e utilizzare metodi di sterminio su tutti coloro che non rispecchiavano i canoni politici e nazionali. Basta ricordare le testimonianze dei parenti di Norma Cossetto, diventata icona di quel martirio, o ascoltare i racconti degli esuli per rendersi conto dei tragici eventi che si susseguirono anche e sopratutto a guerra terminata. Ricordiamo il 'treno della vergogna', un convoglio ferroviario che trasportava centinaia di esuli e che alla fermata di Bologna venne preso addirittura a sassate da alcuni giovani che sventolavano la bandiera rossa con falce e martello e che arrivarono persino a sputare sui loro connazionali e a gettare sulle rotaie il latte destinato ai bambini. Chiunque ha il dovere morale e storico di tenere viva la memoria di tutti coloro che vennero infoibati per essere dalla parte sbagliata della barricata o più semplicemente per essere italiani. Colpevoli di essere nati con quel amor patrio che tanto provoca fastidio ai compagni di ieri e di oggi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita lanciandosi sotto un treno: circolazione dei treni in tilt per ore

  • Malore fatale mentre si trovava in vacanza: addio al commercialista Roberto Cottifogli

  • Una morte fredda e solitaria: si è spento Mark, il senzatetto di Pinarella

  • Ravenna in lutto: si è spento all'improvviso l'ex sindaco Fabrizio Matteucci

  • 'Accoglieteli a casa vostra', Fiorenza apre le porte a un rifugiato: "Grazie a lui ho ritrovato una famiglia"

  • Scontro in mare tra un peschereccio e un gommone: cinque feriti, due sono gravissimi

Torna su
RavennaToday è in caricamento