Bonaccini: "Io candidato premier? Non mi monto la testa, ma non escludo nulla"

C'e' la candidatura a premier nel futuro di Stefano Bonaccini, magari sfidando il leghista Luca Zaia? "Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla".

C'e' la candidatura a premier nel futuro di Stefano Bonaccini, magari sfidando il leghista Luca Zaia? "Non mi monto la testa e tengo i piedi per terra. Ma allo stesso modo non escludo nulla". E' lo stesso governatore dell'Emilia-Romagna a dirlo, martedì pomeriggio in un dialogo in diretta web col direttore dell'Espresso, Marco Damilano. "Mi hanno chiesto se mi vedo come candidato premier, io non mi vedo niente - premette Bonaccini - anzi mi chiedo tutti i giorni se sono capace di fare il presidente di questa Regione. Mi sono sempre detto di non montarmi la testa, perche' domani puo' essere che perdi. Ma allo stesso modo non precludo nulla, ci si mette a disposizione se si ha passione politica per migliorare la cosa pubblica".

Da giorni si parla della 'strana' coppia Bonaccini e Zaia, non solo nella gestione dell'emergenza covid rispettivamente in Emilia-Romagna e Veneto, ma anche in chiave di una futura sfida a livello nazionale per la guida del Paese. "Non mi permetto di interpretarlo, ma se conosco un po' Zaia forse la pensa come me- sorride Bonaccini- vogliamo molto bene alle nostre regioni, dove viviamo e stiamo amministrando, e vogliamo tenere i piedi molto per terra. Abbiamo certamente cose che ci dividono, altrimenti lui non sarebbe nella Lega e io da tutt'altra parte. E io posso dire con orgoglio di aver sconfitto dopo due anni la Lega e quel modello di societa' che propone".

Ma allo stesso tempo, rimarca Bonaccini, con Zaia "ci accomuna il fatto di aver messo da parte le differenze politiche e geografiche" nella gestione dell'emergenza sanitaria. "Ci sentiamo tutti i giorni per confrontarci, anche per capire se stiamo facendo bene o stiamo sbagliando qualcosa - continua il governatore dell'Emilia-Romagna -. Abbiamo voluto guardare al pragmatismo anche di sistemi sanitari e socio-economici abbastanza simili". E ribadisce: "Ci sentiamo la responsabilita' che abbiamo, ma la si deve vivere cosi', senza montarsi la testa e stando coi piedi per terra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

el ripercorrere la campagna elettorale del dicembre scorso, raccontata anche nel proprio libro 'La destra si puo' battere' uscito in questi giorni, Bonaccini ha parlato di "sliding doors. Se avessi perso - riconosce - sarei stato scolpito nella pietra come il primo presidente di centrosinistra che perde l'Emilia-Romagna dal dopoguerra e probabilmente avrei dovuto accettare anche di smettere con la responsabilita' politica". E aggiunge: "Avendo vinto, ho preso probabilmente piu' meriti di quello che ho. E se avessi perso, avrei avuto piu' demeriti di quelli che ho avuto. Bisogna sapere che la politica a volte e' impietosa o generosa ben oltre i propri difetti o i propri meriti". Di certo, sottolinea Bonaccini, "quella mia vittoria ha dimostrato che non e' vero che la destra non si puo' battere, o Salvini in quel caso, uscendo da un teatrino in cui eravamo spesso piombati. Ecco, io vorrei un centrosinistra e un Pd che sia a favore di qualcosa e non contro qualcuno", punge il governatore. (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Coronavirus, muore una donna residente nel ravennate

  • Fermati dopo la spaccata al bar investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

  • Cade con la bici tra le rocce della palizzata: è in gravi condizioni

  • Dà fuoco al campo della cooperativa e distrugge 20 ettari: ex dipendente arrestato

  • Scuole al via il 14 settembre: no ai turni, alunni a un metro di distanza e lezioni in parchi e musei

Torna su
RavennaToday è in caricamento