Cervia, via Stazzone: "Nessuna colata di asfalto, ma un parcheggio "green" per le navette elettriche"

Il sindaco Coffari: "Prevediamo la realizzazione di un grande parco e un parcheggio in materiale permeabile e mitigato dal verde che possa essere utilizzato come parcheggio scambiatore per le navette elettriche"

"Crediamo che i consiglieri di opposizione abbiano preso un grosso abbaglio su via Stazzone". Con queste parole il sindaco Luca Coffari e l'assessore all'urbanistica Natalino Giambi commentano l'adizione, da parte dell'amministrazione, di alcune delibere per procedere a espropri per poter realizzare opere pubbliche, tra cui strade e parcheggi, all'interno di un progetto di mobilità che prevede il progressivo alleggerimento dal traffico delle auto nelle zone a mare della città, per cercare di migliorare la viabilità e per soddisfare la richiesta crescente di parcheggi.

"Nella zona di via Stazzone - continuano - prevediamo nel futuro la realizzazione di un grande parco che si annetta alla pineta e un parcheggio "green", ovvero senza asfalto, ma in materiale permeabile e mitigato dal verde che possa essere utilizzato come parcheggio scambiatore per le navette elettriche. La posizione è strategica, visto che è all'ingresso della città e con la nuova strada della Coop e la rotonda sul viale Milano- Giovanni di Vittorio sarà ancor più nevralgico. Per quanto riguarda via Stazzone abbiamo fatto un test la scorsa estate. La via che passa in pineta non verrà certamente asfaltata, ma resterà in sottofondo permeabile come ora e vi possono transitare facilmente le navette elettriche che sono silenziose e amiche dell'ambiente".

"All'interno - proseguono il sindaco e l'assessore - creeremo anche una fermata pineta-terme che renderà ancora più suggestivo il percorso per i turisti. Questo percorso consentirà di avere navette elettriche dai parcheggi scambiatori ogni dieci minuti da e per il centro e mare della località. Ovviamente in tale via potranno transitare solo le navette elettriche. Fa anche sorridere che le opposizioni si intestino il blocco del piano urbanistico del cimitero (quello sì che prevedeva una forte edificazione dell'area adiacente alla pineta), quando a votare per salvaguardare l'area è stata solo la maggioranza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento