Coronavirus, Italia Viva Ravenna: “Coinvolgere anche le strutture private per sostenere lo sforzo di contrasto, controllo e prevenzione”

"E' un momento straordinario, serve il contributo di ogni articolazione del mondo sanitario"

"Affrontiamo l’emergenza del Coronavirus con regole di buon senso e rispettando le indicazioni dettate dagli organismi preposti. A Ravenna, ad oggi, non si sono verificati casi positivi del virus (chiaramente non possiamo escluderlo per il futuro), ma ugualmente si sono predisposte alcune misure di preallerta, ed è stata costituita una Unità di crisi composta da medici, forze dell’ordine con il coordinamento della Prefettura, il cittadino può rivolgersi in caso di dubbi o problematiche legate allo stato di salute telefonando ai numeri indicati suggeriti". E' quanto afferma l'esponente di Italia Viva, Roberto Fagnani.

"Importante è il ruolo dei media - prosegue Fagnani - nell’evitare sensazionalismi, di collaborare al fine della corretta e oggettiva informazione, contrastando il dilagare di notizie false e infondate, di facili allarmismi. A tutti i livelli, regionale e nazionale, per sostenere lo sforzo encomiabile di tutti i professionisti della sanità pubblica che stanno affrontando con generosità e impegno questa sfida, pensiamo sia utile valutare l'opportunità di coinvolgere direttamente anche le strutture private accreditate per lo svolgimento dei controlli e per sostenere lo sforzo del sistema. E' un momento straordinario, serve il contributo di ogni articolazione del mondo sanitario".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il contrasto al virus richiede in questa fase - rimarca Fagnani - impone un rapido patto fra pubblico e privato sotto l’egida del pubblico per affrontare insieme tutte le iniziative di prevenzione e controllo decise, come i tamponi faringei e quanto altro sarà stabilito nelle prossime ore, questo patto non solo in Emilia-Romagna ma anche su tutto il territorio nazionale. Basta a polemiche tra forze politiche e livelli istituzionali. Si lascino da parte i distinguo e si lavori per affrontare insieme non solo la fase di contrasto del virus, ma anche quella successiva di sostegno all'economia, alle imprese, ai lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Coronavirus, morto un 59enne: è la vittima più giovane. "Un amico meraviglioso"

Torna su
RavennaToday è in caricamento