Elezioni a Bagnacavallo, Zannoni: “Stop alla microcriminalità, le soluzioni ci sono e anche i fondi"

Zannoni intende puntare anche sui controlli di vicinato, dando piena applicazione alla legge regionale del  30 luglio 2018. 

Videosorveglianza, riorganizzazione delle forze dell’ordine e controllo di vicinato: sono le soluzioni principali che propone il candidato sindaco della Lega e del centrodestra per Bagnacavallo, Luca Zannoni,  per ridurre il fenomeno della microcriminalità. “Il cittadino ha bisogno di sentirsi al sicuro a casa sua – afferma Zannoni – anche  nel nostro territorio negli ultimi anni si è verificato un aumento degli episodi di microcriminalità e tra i cittadini è cresciuto il senso di insicurezza e di abbandono da parte delle istituzioni. Un sentimento ignorato dalle amministrazioni di centrosinistra che negli ultimi decenni hanno tollerato e minimizzato la situazione. Occorre rivedere l’approccio  nei confronti di questi fenomeni, garantendo l’applicazione degli strumenti normativi vigenti, a cominciare dal nuovo pacchetto sicurezza del governo che va applicato al 100%”.

Se gli elettori di Bagnacavallo decideranno di cambiare rotta  il 26 ottobre l’impegno di Zannoni sul fronte sicurezza seguirà alcune strade precise. “Prima di tutto occorre  ripristinare il sistema di videosorveglianza in tutto il territorio comunale – sottolinea il candidato sindaco del centrodestra – accedendo i fondi messi  a disposizione dal Governo in materia di sicurezza e della stessa  Regione con la legge regionale del 30 luglio 2018. Va poi allestita una centrale operativa per garantire e gestire la sicurezza, che verrà utilizzata in sinergia da tutte le forze dell’ordine. Va definita una riorganizzazione delle forze dell’ordine con l’obiettivo di garantire una presenza costante ed efficiente sul territorio e la polizia municipale non deve essere utilizzata per garantire entrate al Comune con le multe, ma deve esercitare un ruolo di prevenzione e repressione, nonché di supporto alla cittadinanza”.

Infine, Zannoni intende puntare anche sui controlli di vicinato, dando piena applicazione alla legge regionale del  30 luglio 2018. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento