Elezioni europee, Padovani (Lega): "Via i privilegi alla casta dell'Unione europea"

Gabriele Padovani, candidato leghista all'Europarlamento nella circoscrizione del Nord Est, fa i conti in tasca all'Unione europea

“Lo sapevate che i dipendenti dell'Unione europea vanno in pensione a 55 anni? Sapevate anche che gli ex commissari dell’Unione europea continuano a percepire un’indennità mensile pari al 65% del vecchio stipendio (svariate migliaia di euro netti al mese) come “compenso transitorio” per favorire il loro reinserimento nel mondo del lavoro? Da ultimo, sapevate che nel 2016 l’immensa macchina è costata ai cittadini contribuenti ben 9,2 miliardi di euro? Se è vero che termini come rigore, austerità, controllo dei conti, sono divenute familiari anche a chi non mastica di politica ed economia, è anche vero che non tutti conoscono i costi e, soprattutto, gli sprechi dell’elefantiaca macchina suddivisa tra Bruxelles, Strasburgo e il Lussemburgo”.

Gabriele Padovani, candidato leghista all'Europarlamento nella circoscrizione del Nord Est, fa i conti in tasca all'Unione europea, dichiarando apertamente che “questa Europa è a un bivio tra continuare a fare orecchie da mercante o finalmente dare un segnale di solidarietà ai cittadini europei, ai quali vengono costantemente richiesti sacrifici. Sia chiaro – spiega l'eurocandidato del Carroccio - se in punta di diritto, tutti questi privilegi sono regolari, vien da sé questi numeri assumono i contorni dello scandalo, in un momento storico come l'attuale in cui in tutti i paesi della Ue viene chiesto ai cittadini di stringere i cordini della borsa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Padovani siamo al cospetto di “un tale spreco dei soldi dei contribuenti che, se da una parte alimenta rabbia, indignazione e sfiducia nell’Europa, dall'altro rappresenta il simbolo dell'arroganza di chi viene a rompere le scatole a noi mentre “in casa loro” si permettono di fare ciò che vogliono. E' bene che attraverso il voto del 26 maggio prossimo i cittadini siano consapevoli che possono (e devono) cambiare questa Europa, oggi a trazione franco-tedesca, per consentire all'Italia di rialzare la testa nel panorama internazionale e battere i pugni sui banchi di Bruxelles e Strasburgo, affinché anche le politiche comunitarie comincino a valorizzare quel brand straordinario che è il Made in Italy”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

Torna su
RavennaToday è in caricamento