Elezioni, Pasi: "Perché difendo con forza Fusignano Comune d’Europa"

"L’occasione mi pare adeguata per alcune riflessioni, da candidato sindaco, sull’importanza per una comunità come Fusignano di pensare anche al futuro in termini europei", esordisce Nicola Pasi

Fusignano ha festeggiato giovedì l'Europa ospitando le delegazioni dei sette Paesi europei con cui negli ultimi tre anni è stato condiviso il progetto “Energy&School". "L’occasione mi pare adeguata per alcune riflessioni, da candidato sindaco, sull’importanza per una comunità come Fusignano di pensare anche al futuro in termini europei - esordisce Nicola Pasi -. In questi anni abbiamo lavorato con successo affinché Fusignano fosse a tutti gli effetti un "Comune d'Europa". Lo abbiamo fatto aderendo al progetto europeo Mgran (uno scambio di esperienze sul controllo e gestione dei flussi migratori) che a livello locale ha coinvolto diversi fusignanesi impegnati nel mondo del volontariato locale".

"Lo abbiamo fatto accedendo, assieme alla Regione Emilia-Romagna, a bandi per il finanziamento di importanti opere pubbliche (la nuova centrale termica del plesso scolastico, la riqualificazione e ampliamento del Museo Civico San Rocco, la posa di diversi chilometri di fibra ottica in tutta la Bassa Romagna) - aggiunge Pasi -. Lo abbiamo fatto coordinando in Unione, per conto dell'Unione Europea, il progetto Energy@School, che ha messo a punto un modello europeo di "scuola smart energy" capace di produrre efficientamento energetico e contestualmente diffondere tra studenti ed insegnanti un'innovativa e coinvolgente cultura dell'energia. Lo abbiamo fatto coinvolgendo tutt i Comitati dei Gemellaggi dei comuni dell'Unione, e ottenendo un finanziamento europeo a supporto delle iniziative di accoglienze e scambio culturale con i paesi gemelli (tra cui la visita dei ragazzi di Biddulph della prossima settimana)". 

"Insomma - continua Pasi - l'Europa ha permesso in questi anni alla nostra comunità di fare investimenti altrimenti insostenibili e di allargare i propri orizzonti relazionali e culturali. Non a caso parlo di "comunità" perché ogni progetto ed investimento europeo è stato per noi occasione di coinvolgimento delle persone, delle associazioni di volontariato e delle scuole. I progetti europei sono stati per noi sempre un'occasione per metterci in gioco insieme, per crescere, per imparare, per farci conoscere, per allargare i nostri orizzonti. I progetti europei sono stati sempre pensati come un'opportunità per i nostri ragazzi e per la nostra comunità. Ecco perché se sarò rieletto sindaco punterò ancora con forza sull’idea di Fusignano comune d’Europa. Ritengo infatti che l'Europa Unita non sia solamente un fondamentale assetto organizzativo delle Istituzioni, strategico nel far valere le istanze e nello stesso tempo i principi culturali e valoriali comuni ai nostri paesi nei sempre più mutevoli equilibri mondiali. In un mondo in continua evoluzione, l'Unione Europea rappresenta per noi e soprattutto per i nostri ragazzi un'opportunità e allo stesso tempo la miglior garanzia per poter costruire il proprio progetto di vita in un paese competitivo, che vive in pace e che fonda i propri valori di convivenza nella dignità umana, nella libertà, nella democrazia, nella tutela dell'ambiente, nella solidarietà, nelle pari opportunità e nella non discriminazione".

"E' esattamente basandoci su questi principi che abbiamo scritto anche il programma amministrativo per i prossimi anni, convinti che il futuro di Fusignano vada costruito nel solco di quella visione europea che i nostri padri hanno immaginato per i nostri figli - conclude -. Un futuro fondato su solidi principi valoriali e calato nel concreto di opere ed investimenti, grazie ai quali i nostri ragazzi possano crescere insieme in una scuola qualificata e consolidata dal punto di vista sismico, svolgere attività sportive in spazi adeguati, percorrere le nostre strade in modo sicuro a prescindere dal mezzo impiegato, beneficiare di quei servizi che non ti lasciano solo al momento del bisogno, vivere in un territorio sicuro, rispettoso dell'ambiente e resiliente ai cambiamenti climatici in corso. Progetti concreti sviluppati in questi anni che, a partire dal serio lavoro fatto nel corso di questo mandato, abbiamo posto e continueremo a porre all'attenzione dei bandi e delle opportunità con cui l'Europa sta sostenendo lo sviluppo delle nostre comunità".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nubifragio nel ravennate: ancora alluvioni e danni alle coltivazioni

  • Cronaca

    Crolla una casa durante i lavori: tragedia evitata, intervengono i pompieri

  • Cronaca

    Tentano il furto al supermercato: fermate da un Carabiniere che stava facendo la spesa

  • Cronaca

    Degrado al centro sportivo: "Abbandonato tra amianto e vetri rotti"

I più letti della settimana

  • Tragico schianto alla rotonda dei Tre Ponti: l'impatto è fatale, muore una donna

  • Il maltempo non dà tregua: martedì chiudono tutte le scuole

  • Savio a rischio esondazione: "State ai piani alti o rifugiatevi nelle scuole"

  • Si schianta contro un palo e poi precipita in un fosso: in condizioni gravissime

  • Forte maltempo, i fiumi diventano 'furiosi' in tutta la Provincia

  • Crolla una casa durante i lavori: tragedia evitata, intervengono i pompieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento