Elezioni, Progetto Cervia: "Castiglione deve uscire dall'isolamento"

E’ quanto emerso dall’incontro che i candidati della Lista civica Progetto Cervia – Italia in comune hanno effettuato domenica al Barotto di Castiglione, incontrando i residenti

“Castiglione deve uscire dall’isolamento: urge un progetto complessivo per la generazione di spazi sociali”. E’ quanto emerso dall’incontro che i candidati della Lista civica Progetto Cervia – Italia in comune hanno effettuato domenica al Barotto di Castiglione, incontrando i residenti.

“Recenti studi demografici riferiscono, in particolare su Castiglione - spiega Michele Fiumi, capolista dei civici - la presenza di circa 80 anziani soli, con esigenze che variano dalla necessità di essere accompagnati a fare la spesa, al bisogno di compagnia e di trascorrere il tempo dedicandosi a qualche attività, fino alla possibilità di muoversi sul territorio. Le medesime necessità vengono manifestate dai giovani che vivono a Castiglione: pur con esigenze specifiche diverse, i ragazzi dai 6 ai 15 anni chiedono a gran voce un’alternativa all’essere ‘confinati’ in questo territorio. Ad oggi, la ProLoco il sabato mattina organizza il dopo-scuola con laboratori per i bambini delle elementari, al pari delle attività al campo sportivo, ma seppur pregevole questo tipo di intrattenimento, non è sufficiente ad offrire possibilità di svago ai ragazzi. La richiesta di spazi che fungano da contenitore per le attività dei giovani, ma anche delle persone adulte, è la prima voce che abbiamo registrato durante l’incontro: è per questo che riteniamo serva un progetto complessivo per la rigenerazione di spazi a fini sociali, partendo da quelle strutture che ad oggi sono in disuso. Ci riferiamo alla vecchia scuola materna, non più utilizzata, allo spazio verde dietro Palazzo Guazzi, per esempio, fino al campo sportivo che dovrà essere rinnovato. Occorre dare ai giovani, come pure alla popolazione anziana la possibilità di ritrovarsi in luoghi di aggregazione che forniscano occasioni di incontro e di svago che sia produttivo. Occorrerà attivare percorsi in collaborazione con le associazioni di volontariato per integrare le esigenze delle diverse fasce d’età e rispondere meglio alle richieste di aiuto".

“L’uscita dall’isolamento di Castiglione non può inoltre prescindere dai trasporti che devono essere implementati, sia verso il mare, sia con linee verso le località limitrofe, al fine di dare alla popolazione la possibilità di muoversi liberamente e di scegliere come trascorrere il proprio tempo - conclude Fiumi - Vanno altresì aumentati i controlli anche tramite videosorveglianza, da parte della Municipale, presente ad oggi solo in orario di ingresso e uscita degli studenti dalle scuole e dell’Arma per evitare quelle forme di devianza giovanile sempre purtroppo più frequenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento