Elezioni regionali 2020, Ferrero (FdI): "Servono incentivi e sgravi per le famiglie"

A parlare è Alberto Ferrero, candidato consigliere regionali alle elezioni del 26 gennaio

"In una fase storica come quella attuale in cui la denatalità in Italia ha raggiunto livelli allarmanti - basti considerare che il saldo nazionale fra le nascite e le morti è negativo di 200.000 persone all’anno e l’Emilia Romagna non fa differenza - Fratelli d’Italia è a fianco a quelle mamme e a quei babbi che, nonostante tutto, decidono di avere dei figli". A parlare è Alberto Ferrero, candidato consigliere regionali alle elezioni del 26 gennaio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È infatti indispensabile attuare tutta una serie di politiche a difesa della famiglia che, purtroppo, sia a livello nazionale che regionale non vengono fatte - continua Ferrero - Un esempio su tutti sarebbe rendere gratuiti gli asili nido e le scuole per l’infanzia, oppure prevedere un sostegno economico a quelle madri che decidono di sospendere per qualche tempo la propria attività lavorativa per poter accudire personalmente i figli, oppure rimodulare le imposte locali prevedendo sgravi per le famiglie numerose. Questi sono soltanto alcuni esempi di politiche che porteremo avanti una volta giunti in regione. Se fino ad ora poco si è fatto per favorire la famiglia, molto, invece, si è fatto per disgregarla e un esempio è la legge regionale contro l’omotransnegatività. Questa, infatti, se da un lato giustamente contrasta le discriminazioni sessuali, dall’altro favorisce indirettamente tutta una serie di associazioni che da questa norma traggono profitto e la cui idea di famiglia non è proprio la stessa indicata nell’articolo 29 della Costituzione. La Regione, quindi, da ente sopra le parti diventa, a tutti gli effetti, un ente fra le parti e questo è sbagliato. Fratelli d’Italia una volta insediatasi in Regione metterà mano a questa norma regionale e farà di tutto affinché la famiglia, come intesa nell’articolo 29 della Costituzione, sia salvaguardata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La schianto è impressionante e non lascia scampo ad un 53enne: ennesima tragedia sulle strade

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Sbatte il tappeto e cade giù dal terrazzo: la corsa al Bufalini con l'eliambulanza

Torna su
RavennaToday è in caricamento