Elezioni regionali, Ancarani (FI): "Per il pronto soccorso di Ravenna non c'è limite al peggio"

Il candidato: "Giovedì è stata un’altra giornata di tregenda per coloro che accedevano. Anziani tenuti a bagnomaria anche per nove ore, situazioni ai limiti della decenza"

Due settimane fa si è riunito il consiglio comunale straordinario richiesto dall’opposizione, con il capogruppo di Forza Italia Alberto Ancarani come primo firmatario, nel quale si chiedeva conto alla direzione aziendale circa "i numerosi disservizi presenti presso il nosocomio ravennate, a partire dal Pronto Soccorso".

"La risposta della direzione solo parzialmente ha ammesso i problemi, salvo sostenere che l’abitudine dei ravennati sarebbe più radicata rispetto ad altre città dell’area vasta nell’usare il Pronto soccorso come sostitutivo delle inefficienze o dell’assenza di una medicina territoriale sufficientemente pronta - commenta il candidato alle elezioni regionali - Ancora una volta giovedì, e proprio mentre veniva presentato in pompa magna il nuovo primario del Pronto Soccorso, è stata un’altra giornata di tregenda per coloro che accedevano. Anziani tenuti a bagnomaria anche per nove ore, situazioni ai limiti della decenza. Ma se la medicina territoriale non funziona a dovere, se le case della salute promesse come la soluzione di tutti i mali all’atto della creazione dell’azienda unica non sono ancora pronte e quelle che sono state aperte non rispettano gli standard che erano stati annunciati e previsti nei singoli progetti di ognuna di esse, è forse colpa dell’opposizione o lo è di chi governa la regione, dunque la sanità e le conseguenti nomine di dirigenti che devono prendere decisioni per il bene dei cittadini-pazienti e non per salvaguardare le loro carriere? Non sarebbe forse da rivedere anche tutto il sistema di valutazione e smistamento del triage, obbligandolo ad avere il coraggio di inviare pazienti palesemente codici bianchi “alla scala verde” della guardia medica in caso di "fuori orario", anziché far pensare che per evitare l’assunzione di eccessive responsabilità si finisca con il riempire di codici verdi le sale d'attesa del pronto soccorso? Se poi corrispondesse al vero l’idea di creare il "fast track", ovvero un accesso semi diretto ad alcuni specialisti non solo per le fratture come invece già funziona giustamente a Cesena, si creerebbe la situazione per cui il paziente, dal triage, verrebbe spedito direttamente in reparto (come una donna gravida per intenderci), con la conseguente inevitabile creazione di lunghe file alle porte dei reparti “dis-educando” ulteriormente il cittadino a bypassare nuovamente il medico di medicina generale dato che in pronto soccorso, anche con un piccolo disturbo, in 2 ore si avrebbe lo specialista a disposizione. E’ altresì da segnalare che l’eccesso di consulenze dal pronto soccorso ai vari specialisti di reparto rallenta il deflusso e sguarnisce i reparti aumentando l’inefficienza generale. Ora, se in Ausl Romagna le spese per la burocrazia interna sono in costante aumento rispetto a quelle per i servizi ai cittadini, e la burocrazia ha a capo proprio chi deve prendere le decisioni che pongano rimedio anche a fenomeni quali quelli sopradescritti, ci sarà qualcosa che non funziona, oppure no?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita lanciandosi sotto un treno: circolazione dei treni in tilt per ore

  • Ravenna in lutto: si è spento all'improvviso l'ex sindaco Fabrizio Matteucci

  • 'Accoglieteli a casa vostra', Fiorenza apre le porte a un rifugiato: "Grazie a lui ho ritrovato una famiglia"

  • Scontro in mare tra un peschereccio e un gommone: cinque feriti, due sono gravissimi

  • A soli 23 anni fa volare centinaia di persone nel mondo: "Ma quando decollo dal cielo cerco sempre Cervia"

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento