Gardin (Ln): "Le regole contro l'abusivismo ci sono, Fusignani le metta in pratica"

Il segretario provinciale del Carroccio attacca il vicesindaco, accusato dalla Lega di "esternazioni quanto meno curiose” a proposito di un fenomeno "finora mal gestito e tollerato”: l’abusivismo

"Continuano a essere i temi di matrice leghista quelli più gettonati dagli esponenti della sinistra per frenare l’emorragia di consensi". E' l'osservazione del segretario provinciale di Lega Nord Samantha Gardin. L'ultima "retromarcia", come la definisce la consigliera, è stata quella del vicesindaco Eugenio Fusignani, accusato dalla Lega Nord di "esternazioni quanto meno curiose” a proposito di un fenomeno "finora mal gestito e tollerato”: l’abusivismo. "Il giro di vite annunciato dal vicesindaco e la promessa di multare chi acquista dagli extracomunitari che praticano l’abusivismo sulle nostre strade e spiagge sono soltanto parole già sentite: è ora di applicare i provvedimenti già esistenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Bisogna cominciare con decisione a sequestrare in modo sistematico la merce contraffatta – sbotta Gardin – per disincentivare il fenomeno, segnalando gli abusivi che vanno portati in questura e identificati, facendo collaborare Forze dell’ordine e Polizia municipale. Se non in regola con i permessi e i visti, si deve procedere alla loro espulsione. Peraltro le misure contro irregolari, abusivi e anche l’accattonaggio molesto esistono già: occorre soltanto metterle in pratica, magari potenziando la sicurezza nei mesi estivi con vigilanti privati, come già avviene in altre realtà, in modo da consentire alle forze dell’ordine di presidiare il territorio. Le "uscite" di Fusignani lasciano più perplessità che altro: invece di continuare a sistemare i propri colleghi di partito nelle società “controllate” dal Comune, come nel caso della nomina di Giannantonio Mingozzi nella Terminal Container, farebbe meglio a mettere in pratica qualche azione concreta e a venire a parlare dei problemi della sicurezza nella sede più opportuna: ovvero in consiglio comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Schianto tra auto all'incrocio: due donne finiscono in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento